martedì , Maggio 21 2024

Norcia in gita sul Titano grazie ai bambini di Cailungo

La sensibilità e l’altruismo trovano spesso terreno fertile nel cuore dei più piccoli, lo hanno recentemente dimostrato gli alunni della Scuola elementare l’Arcobaleno di Cailungo, che grazie alla preziosa collaborazione di insegnanti e mamme, si sono resi promotori di un progetto a favore di una scolaresca di Norcia, territorio fortemente provato dal terremoto dello scorso anno.

Il primo contatto con gli alunni di Norcia si è concretizzato con l’invio di qualche cartolina di San Marino, un modo per distrarre e alleggerire l’animo dei piccoli amici inviando un saluto e mostrando loro il Monte Titano, si sono poi susseguite diverse iniziative di solidarietà, un modo per ripercorrere e proporre gli insegnamenti del nostro Stato, da sempre promotore di alti ideali di fratellanza, libertà e solidarietà tra le popolazioni.

Questi ideali sono il filo rosso della nostra storia e di un tessuto con il quale è stato confezionato un prezioso abito da sempre indossato nella nostra Repubblica.

Dall’ammirare San Marino in cartolina a una visita vera e propria il passo è stato breve, infatti lo scorso lunedì i ragazzi di Norcia accompagnati dalle loro insegnanti sono arrivati in Repubblica, ospiti grazie a una catena di solidarietà promossa dalle mamme degli alunni di Cailungo.

I bambini sono stati ricevuti dai Capitani Reggenti e il giorno seguente hanno visitato il centro storico con delle guide davvero d’eccezione: gli alunni della classe quinta della Scuola l’Arcobaleno, una visita guidata in piena regola, con il valore aggiunto dell’emozione e dell’impegno, snodata nei punti nevralgici di Città, con un momento clou a Palazzo Valloni dove Fabio Righi ha mostrato loro il costume della Reggenza, illustrandone storia e peculiarità. Il tour è partito dalla Porta di San Francesco, proseguito alla Cava dei balestrieri, a Palazzo Valloni, a Palazzo del Governo, dove il Segretario Zafferani e alcuni consiglieri hanno voluto portare il proprio saluto ai bambini, sino a giungere alla Basilica del Santo.

Nel pomeriggio la festa è continuata presso la Scuola Arcobaleno con canti e giochi insieme a tutti i bambini. Infine il grande saluto alla scolaresca umbra con il lancio di palloncini colorati nell’azzurro del cielo come simbolo di speranza per un futuro migliore e di rinascita.

I bambini di oggi sono i cittadini che andranno a comporre il tessuto sociale e istituzionale del paese di domani, la sensibilità dimostrata dai ragazzi di Cailungo ci fa guardare al futuro con fiducia e amore.

Chiara Macina

 

 

About Redazione

Prova anche

“CONSIDERAZIONI SEMISERIE SULLA MIA DEMENZA SENILE” di Renata Rusca Zargar

CONSIDERAZIONI SEMISERIE SULLA MIA DEMENZA SENILE Una stimata famiglia di negazionisti   Provengo da una …