martedì , Maggio 21 2024

Compiti estivi: istruzioni per l’uso

Il problema si ripresenta puntuale e spinoso ogni anno, chi ha figli lo sa bene, le vacanze estive non sono solo sinonimo di sole, mare, relax, centro estivo, dove metto i bambini?, parco e scottature ma fanno anche rima con “compiti estivi”. A giugno al termine della scuola bambini e genitori fiaccati da nove mesi di routine scolastica, esaltati da quel miraggio liquido rappresentato dallo stop delle lezioni e tutto ciò che comporta, il problema compiti era stato sottovalutato, sembravano pochi e facilissimi e il tempo per farli illimitato.

Compiti estivi: approcci

In generale i bambini hanno due approcci diversi nei confronti del problema, chi decide di afferrare il toro per le corna e il giorno dopo la fine della scuola si mette giù a testa bassa con lo scopo e risultato di togliersi dall’impasse  per la fine di giugno e trascorrere un Estate più che serena e senza assilli e quello che di compiti proprio non ne vuole sapere e procrastina l’appuntamento sino a settembre per poi immergersi in una logorante full-immersion gli ultimi giorni che lo separano dall’inizio delle lezioni.

Due modelli dannosi nel primo caso si corre il rischio di fare tutto e subito e poi lasciare la mente inattiva per mesi, nel secondo si arriva all’inizio delle lezioni già esausti e confusi. E i genitori? Anche loro divisi tra chi ha pianificato nei minimi dettagli una tabella di marcia che consenta di arrivare a settembre più che pronti, quelli che vogliono responsabilizzare i pargoli lasciando alla loro volontà l’incombenza compiti e…quelli che si strappano i capelli, passando le ore più calde dei pomeriggi di luglio ed agosto sudando, urlando a squarciagola, nel tentativo di convincere figli svogliati a concentrarsi un pò.

Compiti estivi: consigli per i genitori

Ecco qualche consiglio per voi:

-organizzate l’ambiente di lavoro: un luogo senza televisore acceso, non troppo di passaggio, con il materiale scolastico occorrente ai compiti in bella vista ben allineato e organizzato;

-stabilite un orario, magari concordatelo con i vostri figli, dopo avere scelto uno siate tassativi;

-supportateli, rispondete alle loro domande e richieste di spiegazioni ma non cadete mai nel tranello di fare i compiti al posto loro;

-elogiare il bambino per i suoi successi per i passi avanti fatti ma evitare il tranello del regalo, in fondo come ripetevano le mamme di una volta “sta facendo metà del suo dovere no?”-

Buon Lavoro!

Chiara Macina

About Redazione

Prova anche

“CONSIDERAZIONI SEMISERIE SULLA MIA DEMENZA SENILE” di Renata Rusca Zargar

CONSIDERAZIONI SEMISERIE SULLA MIA DEMENZA SENILE Una stimata famiglia di negazionisti   Provengo da una …