venerdì , Luglio 19 2024

Un passo alla volta verso la meta

Credo fermamente che non ci sia niente di più bello nella vita che realizzare un sogno. Che sia un progetto lavorativo o di vita personale il solo raggiungimento dell’obiettivo ci fa sentire i padroni del mondo e ci riconnette con quella forza interiore che rimanda fortemente al nostro essere divini. Come diceva Paramahansa Yogananda, una delle guide spirituali più amate di questo secolo, “non comportatevi come pavidi essere umani, siete figli di Dio”.

Perché allora è così difficile realizzare i desideri del nostro cuore? Perché partiamo in quarta con le migliori intenzioni e ci perdiamo strada facendo? Perchè alcune persone sembrano sapere da sempre qual è la loro strada e riescono a realizzare i loro sogni quasi senza sforzo, come se la vita aprisse loro le porte senza che debbano chiedere nulla? Se ce la possono fare loro, ce la possiamo fare anche noi, pensiamo a volte. Ma poi in realtà ci sabotiamo da soli con scarsa autostima, zero disciplina, poca costanza e tanta distrazione. L’unica costante che abbiamo è la lamentela: ci lamentiamo di tutto, del rumore che ci distrae, della mancanza di denaro che ci impedisce di avere maggiori strumenti per creare il nostro progetto, della concorrenza, della sfortuna, del destino avverso. A volte siamo davvero melodrammatici nelle situazioni, e quando qualcuno ce lo fa notare andiamo su tutte le furie, prendiamo questa semplice e inconfutabile verità sul personale e ci nascondiamo dietro al fatto che nessuno ci capisce.

La verità secondo me, se di verità si può parlare, è che tutti abbiamo dentro di noi la capacità di ottenere ciò che vogliamo, solo che non sempre siamo in grado di usare le nostre potenzialità a dovere. Ci vorrebbe  per ognuno di noi un libretto delle istruzioni per fare in modo che tutto funzioni perfettamente, e invece dobbiamo metterci del nostro, usare l’estro e la furbizia, smettere di competere con glia altri e esprimere al meglio ciò che siamo, così, con spavalderia.

Quelli come me, però, che sono “un litro e mezzo dentro una bottiglia da un litro” fanno un po’ più fatica, perché hanno tanti progetti e tante idee ma non la pazienza e la costanza di farne uno alla volta. Quelli come me vogliono tutto e subito, perché altrimenti si perde tempo, perché un desiderio tira l’altro, perché la vita va vissuta col pedale spinto fino in fondo e i desideri realizzati uno dietro l’altro. Qual è il risultato secondo voi di tutto questa frenesia creatrice? Che si iniziano tante cose senza portarne a termine nessuna, oppure realizzando progetti mediocri privi della spinta necessaria per fare la differenza. Certo questa non è la regola, ma capita spesso, agli agitati e non.

Ci sono degli animali in natura le cui caratteristiche ci insegnano proprio questo, ad affrontare un progetto partendo dalla fase di ideazione a quella di realizzazione, arrivando alla meta un passo alla volta. Il loro dono ci viene trasmesso attraverso le essenze degli animali selvatici, potenti rimedi vibrazionali che ci accompagnano nel nostro percorso di crescita. Vediamoli da vicino:

  • Castoro: questa essenza ci permette di affrontare qualunque tipo di progetto ed è ottima quando ci sentiamo pigri, indecisi, privi di motivazione o deconcentrati, quando ci distraiamo facilmente o non riusciamo a concretizzare i nostri progetti e i nostri sogni. Dona chiarezza di pensiero e visione, ci sostiene nei momenti della pianificazione, progettazione e in tutte le fasi operative del nostro percorso di vita. Ci accorgiamo di essere subito più concreti, efficienti e produttivi.
  • Leone di montagna: questa essenza aiuta a tradurre i desideri e i sogni in realtà. Sviluppa forza, determinazione e grande capacità di organizzazione. Molto utile per coloro che si sentono deboli a livello fisico ed emotivo o che devono rimanere allineati con la propria verità a dispetto dell’opinione altrui e di qualsiasi distrazione interiore ed esteriore.
  • Ghepardo: dà il via a chi si sente bloccato, a chi manca di energia ed entusiasmo e a chi deve passare immediatamente all’azione dopo aver preso una decisione. Migliora la gestione del proprio tempo e delle proprie risorse.

C’è poi un’essenza che io amo particolarmente perché ci parla del nostro potere personale, e ci fa sentire un po’ dei supereroi, quella del

  • Bombo: un moscone panciuto con due ali piccole piccole, che sfida la forza di gravità e vola, producendo un suono che sembra quello dello shuttle! Questa essenza aiuta a riappropriarsi del proprio potere personale affrontando sfide e impegni per cui ci si sente inadeguati. Permette di intraprendere anche ciò che non avremmo mai preso in considerazione per mancanza di fiducia nelle nostre capacità. Il bombo ci fa volare oltre i nostri limiti.

Un passo alla volta si attraversa il fossato e si arriva al castello.

About Redazione

Prova anche

Quinto appuntamento per il Caffè letterario del Titano

Quinto appuntamento per il Caffè letterario del Titano   Venerdì 26 maggio alle ore 18.30 …