martedì , Giugno 25 2024

Oggi “la Fermina” festeggia 100 anni insieme a Tonino Guerra

La posta delle emozioni

Per sempre è come mai: non esiste? – Per sempre cambia forma e luogo, torna sotto mutate spoglie

Inviate le vostre storie di “mai” e “per sempre” a [email protected] oppure [email protected]

Cara Chiara

Oggi è un giorno molto speciale.
Dobbiamo festeggiare.
Non importa se tutti siamo in  quarantena da Covid19 chiusi nelle nostre abitazioni: sarà una festa dell’anima!
Le anime non si toccano mai fisicamente, semplicemente si mescolano fra loro e fanno fluire l’energia vitale per sempre.
Oggi festeggiamo il 100° compleanno della mia nonna, “La Fermina”, la donna che più di ogni altra persona oggi vorrei aver di fronte o di fianco per poterle chiedere un consiglio, o per ascoltarla, semplicemente, e trarne insegnamento (…o sorridere per quel che solo lei sapeva raccontare a quel modo)Per farle gli auguri.
Sarebbe stato un susseguirsi di “quella volta” …
” C’la vòlta an avemi e riscaldament, ma ê sabpti sera a bàlimi pri scaldač “
( Quella volta non avevamo il riscaldamento ma il sabato sera ballavamo per scaldarci)
” C’la vòlta e materass al fimi s’ al  foji d’li panochi ad furmantón”
(Quella volta il materasso lo facevamo con le foglie delle pannocchia di granoturco)
…e “la veglia” sarebbe stata sicuramente indimenticabile perché adorava intrattenere chiunque.
“Andare a veglia” , ho imparato, equivale allo star vicino, al  prendersi cura della persona, o della famiglia a cui tieni : frequentare chi è importante.
Ti lascio solo immaginare ogni volta nella ricorrenza del suo compleanno quante visite gioiose e telefonate infinite ( anche dall’estero…) riceveva.
Poi il 2000.
Il nuovo millennio, gli 80 anni.
Tappa significativa per chiunque!
Ancora sorrido a pensarci 🙂
Il 16 marzo, come saprai, festeggia il compleanno anche Tonino Guerra, poeta, sceneggiatore ,uomo d’arte e di grande  visione culturale che ha scelto Pennabilli come dimora nel 1989.
Tonino Guerra è nato come La Fermina il 16 marzo 1920! 
Quel giorno del 2000, tutto il paese si è dedicato a lui: le istituzioni locali con riconoscimenti,  i pennesi  con la loro presenza calorosa, tutti adoperati a celebrar con le dovute attenzioni l’uomo d’arte e intelletto come giustamente merita ( sei mai stata alla sua installazione artistica ” Il Santuario dei pensieri ” ? È  magico con le sue linee).
Tu penserai : quale  onore festeggiare lo stesso giorno il compleanno!
Ma io faccio un balzo indietro nel tempo e ripenso alla reazione della nonna Fermina e alla sua frase epica, pronunciata da vera romagnola:
“I fà la festa ma che pataca, a la voj ancha ija”
( fanno la festa a quel patacca , la voglio anch’io)
Ancora rido!
La mia cara nonna, amata da tutti, amica di tutti, comare dal carattere forte e volitivo,  che ha vissuto e superato il conflitto mondiale, e molte vicissitudini non voleva un concorrente di compleanno! Voleva essere anche lei “la festeggiata” :-)!
Sicuramente avrebbe potuto ispirare ad hoc  un personaggio in un film sceneggiato da Tonino!
Peccato non si siano mai conosciuti nella quotidianità pur condividendo luoghi e ricorrenze nella loro longeva vita.
Per me quel giorno Tonino Guerra è diventato ancor più pennese doc.
Un mentore con le sue opere e frasi.
Oggi “La Fermina ” ( metto l’articolo davanti per sottolineare il personaggio) festeggia 100 anni insieme a Tonino Guerra.
Citandolo:  “L’ amicizia è una farfalla che si posa sulla spalla”. 
Li immagino che parlano, che discutono, che si raccontano, e che  questa volta festeggiano insieme il loro 100° compleanno, come la nonna avrebbe voluto nel 2000.
Dove?
“Bisogna creare luoghi per fermare la nostra fretta e aspettare l’ anima”
Cit.Tonino Guerra
Cara Chiara,
Oggi grazie a te la mia anima si è fermata un attimo in un luogo senza fretta.
È un giorno importante.
Sarà un giorno per sempre.
Ti abbraccio.
Valentina

Cara Valentina

che dire? grazie! oggi mi hai regalato un bellissimo raggio di sole e mi hai portato con la mente a un luogo bellissimo Pennabilli dove spero con tutto il cuore di andare a giugno a vedere “Gli artisti in piazza”, mai come in questi giorni abbiamo bisogno di pensare al futuro, di sognare, di essere anche visionari e la magia di Tonino Guerra aiuta moltissimo in questo senso.

La Fermina me la immagino un pò come te dolcissima e tosta, sempre pronta a risolverli i problemi. Un abbraccio grande!

 

Scrivi la tua lettera alla Posta delle emozioni: [email protected]

About Redazione

Prova anche

“Affacciati alla tv” : il primo raduno dedicato ai settant’anni della televisione italiana

“Affacciati alla tv” : il primo raduno dedicato ai settant’anni della televisione italiana   Sabato …