venerdì , Luglio 19 2024

Lo Zecchino d’oro a San Marino ha il sorriso di Letizia

E’ una scena che appare con una certa frequenza durante l’infanzia, una bambina che mette in fila le sue bambole e gioca a fare la maestra simulando lezioni improvvisate ad appannaggio di pupazzi inanimati, provocando stupore e orgoglio nei nonni e nei genitori, pronti a profetizzare un futuro certo nel mondo dell’insegnamento. Un bambino che tra tutti i giocatoli a disposizione mostra di preferire la macchina fotografica giocattolo e passa ore a immortalare parenti e oggetti come un perfetto reporter, c’è chi disegna, chi suona, chi scopre da piccolo la sua passione e chi fatica a trovarla.

Le passioni si scoprono da piccoli e quando, da adolescenti e oltre, si cerca la propria strada è a quelle che a volte, bisognerebbe fare riferimento.

Le biografie dei personaggi famosi nei diversi ambiti artistici, letterari e sportivi, narrano di passioni forti, spesso maturate negli anni dell’infanzia, ma allora la strada è già fissata dal principio?

Naturalmente non sempre è così, i bambini curiosi di tutto, passano spesso da un interesse all’altro, ma se c’è una passione forte prevale sulle altre.

Lo Zecchino d’oro a San Marino

Una grande passione per il canto affinata grazie alla partecipazione a un coro di voci bianche e soprattutto“cantando a squarciagola tutto il giorno” ha portato la sammarinese Letizia Colombini a partecipare alle selezioni dello Zecchino d’oro che lo scorso fine settimana hanno fatto tappa a San Marino.

zecchino d'oro a san marino

Selezione passata per Leti ma soprattutto la possibilità di partecipare alle selezioni finali dello Zecchino un programma che da sempre accompagna lei e la sua famiglia su un palco, nell’occasione con il brano“La mia casa”. Una serata che difficilmente Letizia potrà dimenticare “il momento più emozionante è stato quando hanno pronunciato il mio nome- ricorda- non mi aspettavo di passare, amo tutte le canzoni dello Zecchino”.

Prossimo impegno le finali a Bologna, un obbiettivo che Letizia porterà avanti con il sorriso e la leggerezza dei suoi meravigliosi nove anni e il consiglio di mamma e papà “I miei genitori mi hanno detto di godermi questo momento e di viverlo per quello che è, un gioco, senza pensare alla competizione”.

Chiara Macina

About Redazione

Prova anche

UN ANNO VISSUTO PERICOLOSAMENTE QUARTA PARTE

UN ANNO VISSUTO PERICOLOSAMENTE QUARTA PARTE di Luca Giacobbi In questo caso l’anno vissuto pericolosamente …