venerdì , Luglio 19 2024

Shiatsu: disciplina evolutiva

Considerato una tecnica tipicamente Giapponese, le origini dello Shiatsu risalgono ad antiche idee filosofiche Cinesi.

Quest’arte curativa, rappresentante della più alta forma di trattamento curativo a mediazione corporea, fu subito tenuta in grande considerazione nel Giappone antico; fu il frutto di una secolare tradizione di cura sviluppatasi in Giappone dopo il VI secolo, quando i monaci buddisti giunsero e vi si stabilirono favorendo così una larga diffusione dei principi della Medicina Tradizionale Cinese.

Nel corso della storia l’apertura del Giappone verrà offerta la possibilità di conoscere ed approfondire la medicina occidentale. In questo modo si creerà una fusione alchemica tra, sapere Orientale e quello Occidentale, di modo che nel 1911, verrà emanata una legge che riconosce ufficialmente la figura professionale, regolamentandone il metodo, di chi operava utilizzando l’agopuntura, l’Anma e la moxa. La stessa legge lasciava però la possibilità di praticare anche altre forme di trattamento non riconosciute, senza bisogno di avere un’autorizzazione da parte della prefettura locale e questo avrà una particolare rilevanza nella nascita e lo sviluppo iniziale del metodo Shiatsu.

I tre grandi maestri che contribuirono maggiormente all’intelaiatura dell’impianto medico e tecnico dello Shiatsu moderno furono:
– Tokujiro Namikoshi
– Shizuto Masunaga
– Katsusuke Serizawa 

Il metodo esercitato sarà quello Masunaga. I suoi contributi in merito:

1) La conferma e l’approfondimento, nella strategia curativa, del pensiero della Medicina Tradizionale Cinese come quadro di riferimento fondamentale dello Shiatsu. Il sintomo locale viene quindi interpretato soprattutto come un campanello di allarme di tutto un sistema in squilibrio, costituito non solo dal collegamento con la funzionalità dell’organo corrispondente ma anche dal rapporto con il meridiano energetico relativo a quell’organo e/o di passaggio per l’area del corpo interessata.

2) L’elaborazione di un metodo sistematico che utilizza il tragitto dei meridiani della Medicina Tradizionale Cinese al fine di ottenere indicazioni precise sulla condizione energetica e sulla salute complessiva della persona.

3) L’individuazione sull’addome e sul dorso di aree particolari che permettono di effettuare una valutazione della condizione energetica degli organi e relativo trattamento specifico.

4) L’introduzione nello Shiatsu della tecnica pressoria a due mani separate. Questo accorgimento tecnico migliora nettamente sia il rapporto che si stabilisce tra operatore e ricevente nella comunicazione a più livelli sia l’efficacia stessa del trattamento.

Da quanto esposto risulta evidente che il metodo Shiatsu tradizionale, che Masunaga ha così puntualizzato e meglio connotato, ha il notevole vantaggio di elevare il rapporto tra l’operatore ed il ricevente e di sottolineare la visione energetica che tiene conto soprattutto della persona in senso globale, in quanto radice del problema sintomatico.

Con Masunaga diventano inoltre importanti l’atteggiamento mentale dell’operatore ed il suo modo di proporsi, poiché egli stesso, come ricercatore, diventa una figura fondamentale per tutti coloro che associano il benessere del corpo al benessere dell’anima e dello spirito. In questo contesto è ovvio che persino l’ambiente in cui si svolge la seduta di trattamento Shiatsu acquisti una notevole rilevanza e debba presentare caratteristiche ben precise affinché il ricevente non abbia la sensazione di essere in ospedale o in un lettino ambulatoriale, ma possa al contrario sentirsi accompagnato e sostenuto non solo fisicamente, ma anche psicologicamente, come persona con una sua precisa identità.

Lo shiatsu è una disciplina Evolutiva

– Valorizza le risorse vitali di ambedue le persone coinvolte, seguendo i tempi e le modalità peculiari di ciascuno.

– Genera una migliore qualità della vita, qualsiasi sia l’età, la condizione e lo stato di benessere\disagio dei soggetti coinvolti.

– Non è un massaggio terapeutico, sportivo o estetico, bensì una forma di riequilibrio energetico.

– I benefici dello shiatsu, sul piano sintomatico e preventivo, sono frutto di naturale processo evolutivo connesso al generale miglioramento della vitalità.

AIUTA A:

– Sciogliere le tensioni

– Rafforzare l’organismo

– Favorire il benessere psicofisico

shiatsu

SIMONA “AMINO” SHIATSU

Nata a Rimini, cresce ed apprende da Madre Terra la forza e la bellezza, assieme alla sua magia, accolta in ogni creatura vivente.

I primi insegnanti furono i suoi rispettivi genitori, portatori essi stessi di luce pura, i quali, verranno affiancati da Maestri Spirituali di questa e “l’altra” dimensione.

Tali Maestri le insegneranno le prime basi per apprendere la “Vera” natura dell’uomo e della sua magia connessa al Creato.

A causa (fortuita) di un incidente, le viene donato del “tempo” per apprendere le prime formule sciamaniche siberiane ed andine. Dopo un breve viaggio in India, al suo ritorno, incontrerà due Guide importanti lungo il suo cammino: uno sciamano messicano ed un curatore dalle doti medianiche spiccate.

Da quel momento la sua vita non sarà più la stessa!

Lungo il corso dei suoi apprendimenti, le viene trasmessa una indicazione “guida”: l’apprendimento di una disciplina, quale lo Shiatsu, come strumento possibile per portare sostegno e salute.

Distillatrice, faccendiera di prodotti naturali, è consapevole che, le vie future, saranno nuove consapevolezze dell’Uomo come Essere infinito congiunto all’Universo!

IN AMA MAPU COLLABORA IL GIOVEDÌ E QUESTA DOMENICA 6 DICEMBRE ALL’OPEN DAY “I FEEL GOOD”- 333.4580252

shiatsu-3 shiatsu-2

About Redazione

Prova anche

Quinto appuntamento per il Caffè letterario del Titano

Quinto appuntamento per il Caffè letterario del Titano   Venerdì 26 maggio alle ore 18.30 …