sabato , febbraio 22 2020
Home / Storyteller / Chiara Macina

Chiara Macina

Sono Chiara Macina, sono nata il 24 giugno 1977 nella Repubblica di San Marino, un luogo meraviglioso dove ogni sasso, monumento e luogo ha una storia bellissima da raccontare ed io ho il privilegio di farlo ogni giorno. Sono una guida turistica e ho la fortuna di raccontare il lato più bello del mio paese ai turisti e agli studenti che accompagno in visite guidate in centro storico. Sono una scrittrice, amo raccontare la mia quotidianità nei miei racconti, forse non mi hanno fatto arricchire ma mi hanno risparmiato i soldi dello psicologo, grande è la valenza terapeutica e liberatoria che attribuisco a questa attività, enorme il piacere che ne ricavo. Ho collaborato per diversi anni con il quotidiano “L’Informazione di San Marino”, curando rubriche di costume e società e speciali sulla storia del mio paese. Sono mamma felice di Arianna e Francesco i principali ispiratori dei miei racconti che rendono la mia vita colorata e movimentata, sono curiosa ed eclettica, mi piace frequentare corsi di qualsiasi genere, imparare cose nuove e mettermi in discussione. Detesto cucinare ma coltivo i piaceri della buona tavola, ho un cane di nome Marshall, nove gatti e vivo in una casa a forma di cubo.

Tre quarti a me un quarto e tutto il mio amore a te

Le cicche di Braccio di Ferro, quelle verdi tagliate a listarelli sottili, simili a spinaci, quelle a forma di sigaretta, bastoncini di colore rosa con cui i bambini degli anni Ottanta facevano finta di fumare e che oggi sarebbero giudicate dal Garante dei minori politically non correct,ma anche i Fonzies, ...

Leggi »

Quella volta che mi è sembrato mi spuntassero le ali

ali

Il nostro incontro è pianificato da diversi mesi, ho scelto con cura l’abbigliamento con cui presentarmi a te: una vezzosa camicia da notte bianca senza maniche, lunga fino al ginocchio, adornata sopra il petto con dei ricami che strizzano l’occhio alla civetteria, ai lobi un paio d’orecchini d’oro semplicissimi, a ...

Leggi »

Cosa mi auguro per il 2020? crescere restando fedele a me stessa

Propositi per il 2020: crescere restando sempre fedele a me stessa Due cuori: uno in mezzo al petto, uno tatuato sull’anulare della mano sinistra, qualche paura, molte ferite, occhi spalancati su un mondo che non smette mai di incantarmi. Una spiccata indole a voltarmi indietro, accarezzando ricordi che mi sembrano ...

Leggi »

A cosa somiglia quella nuvola?

Il giorno in cui sono nata mio padre ha compiuto due azioni per celebrare la gioia della paternità, ha piantato un abete nel giardino della sua casa, ha scritto una poesia, ha voluto dare un anelito di eternità ad un evento che rende per sua natura immortale l’essere umano: la ...

Leggi »

Amiche per sempre

Guardo il calendario appeso nel mio ufficio, il cerchietto rosso è stato aggiornato alla data del 13 maggio. Diciannove anni fa a quest’ora, pianificavamo con larghissimo anticipo la valigia, destinazione Cambridge, dove dovevamo affrontare un’ esperienza di studio della durata di tre settimane, la preparazione dei bagagli era l’impegno più ...

Leggi »

La nevicata del 2012 non mi ha fermata

E’ ormai divenuto parte del linguaggio gergale, alla domanda “come va?” si risponde sempre “Eh, di corsa”. Corriamo sempre, corriamo tutti, dalla mattina alla sera la giornata è scandita da tutta una serie d’impegni, alcuni essenziali altri meno, ma ormai non si distingue più la differenza, il lavoro, la pausa ...

Leggi »

Cartavetrata e zucchero filato

Ciò che fa di Superman Superman è il mantello rosso, la calzamaglia blu e la S sopra il costume, ciò che rende Robin Hood il principe dei ladri è il cappello piumato, non ci sarebbe Valentina di Crepet senza il celebre caschetto. Ciò che rende il mio amico veramente lui ...

Leggi »

Uomo bugiardo: occhio al linguaggio del corpo

Se ne facciano pure una ragione i paladini della verità a tutti i costi, ogni giorno ognuno di noi ricorre a innumerevoli bugie, per quieto vivere o per convenienza, per gentilezza oppure ipocrisia. Si saluta con un radioso buongiorno il capo ufficio, con cui non si è in rapporti idilliaci, ...

Leggi »

Quell’autunno che le foglie erano rosa

E’ stato sufficiente un weekend di pioggia per farmi completamente dimenticare questa torrida estate e immergermi già nelle suggestioni e nei colori di un clima che anticipa la stagione autunnale. Se penso all’autunno penso ai colori delle foglie giallo e rosso, ai ciclamini che metto davanti alla porta, alla nebbia ...

Leggi »

L’inserimento al nido

nido

L’inserimento del bambino al nido è il primo passo in un’esperienza educativa che si svolge fuori dall’ambiente familiare, è oggetto di attenta e puntuale organizzazione. Sono seduta nell’ufficio dell’asilo nido “Il bosco incantato”, mi sento esattamente come si deve essere sentito il protagonista di PSYCO nella scena finale, quando fa ...

Leggi »