sabato , Aprile 17 2021
Home / In Evidenza / “Le omonime” di Filippo Vignali

“Le omonime” di Filippo Vignali

Le omonime

di Filippo Vignali

 

Le omonime è una storia di incontri. Incontri in cui il caso sembra farla da padrone. Il caso che sembra (ma sembra soltanto) guidare le azioni attraverso le quali si costruiscono
i legami di una vita, e, ancora, il lavoro, e, ancora, persone conosciute di riflesso alle altrui volontà, e, ancora, posti da vedere, e, ancora, sofferenze e gioie.
Le omonime è un romanzo con due protagonisti. La prima è lo splendido io narrante, con tutta la sua apparente forza e con tutta la sua nascosta fragilità.

Con i sorrisi, piccoli orpelli esposti da barattare in cambio di un filo su cui camminare col proprio passo.
Passo che cerca piccoli specchi per continuare a guardarsi, che trova amore, che trova, finalmente, un senso di appartenenza e di direzione.
Il secondo protagonista è il lettore. Lettore che si muove in punta di piedi e che a ogni incrocio, a ogni dubbio, a ogni mai troppa svelata certezza, si incontra con la protagonista, e, dalla protagonista, acquista pezzi di sé.

About Redazione

Prova anche

Vorrei dirti che: lettera alla me stessa bambina

A cinque anni ero identica a Biancaneve “capelli nero ebano, bocca rossa come il sangue ...