martedì , Aprile 23 2024

“Le omonime” di Filippo Vignali

Le omonime

di Filippo Vignali

 

Le omonime è una storia di incontri. Incontri in cui il caso sembra farla da padrone. Il caso che sembra (ma sembra soltanto) guidare le azioni attraverso le quali si costruiscono
i legami di una vita, e, ancora, il lavoro, e, ancora, persone conosciute di riflesso alle altrui volontà, e, ancora, posti da vedere, e, ancora, sofferenze e gioie.
Le omonime è un romanzo con due protagonisti. La prima è lo splendido io narrante, con tutta la sua apparente forza e con tutta la sua nascosta fragilità.

Con i sorrisi, piccoli orpelli esposti da barattare in cambio di un filo su cui camminare col proprio passo.
Passo che cerca piccoli specchi per continuare a guardarsi, che trova amore, che trova, finalmente, un senso di appartenenza e di direzione.
Il secondo protagonista è il lettore. Lettore che si muove in punta di piedi e che a ogni incrocio, a ogni dubbio, a ogni mai troppa svelata certezza, si incontra con la protagonista, e, dalla protagonista, acquista pezzi di sé.

About Redazione

Prova anche

Per ridere non serve uno scherzo basta un’altra persona

Per ridere non serve uno scherzo basta un’altra persona   Ridere è cercare la parte …