domenica , Marzo 3 2024

H&M vuole Balmain: nasce la collezione Balmain for H&M

E’ ufficiale. E’ un virus. Non c’è cura. Si può solo comprare per salvarsi. Tra le fashion victim non si parla di altro. Il “fashion web” impazza!

Il prossimo 5 Novembre in 250 negozi in tutto il mondo e online, si potranno acquistare i capi della collezione Balmain for H&M. I protagonisti sono i tessuti, versioni sintetiche di velluto, seta e pelle, generosamente ricamati. Una tee Balmain con una trentina di euro, un pantalone con un centinaio e un abito con 450-500 euro. Beh, non è H&M basic, ma Balmain for H&M, un sacrificio si può fare!? La collezione includerà abbigliamento e accessori sia maschili che femminili. Ebbene si, il luxury brand Francese si affianca alla catena fast fashion Svedese per dar vita ad una collezione che incarna la classe dell’alta moda e il sapore streetwear in maniera del tutto particolare ad un prezzo accessibile al pubblico “giovane”. “Balmain ha creato uno stile unico, opulento e diretto, sensuale ed energetico al tempo stesso”, spiega Ann-Sofie Johansson, creative advisor di H&M.

“Voglio parlare alla mia generazione: questo è il mio obiettivo principale come designer”, ha spiegato Olivier Rousteing, direttore creativo di Balmain, nella maison dal 2009. Siamo di fronte ad un esempio di co-branding. Due brand insieme per un obiettivo comune. Numerosi sono gli esempi che abbiamo visto negli ultimi anni. Nel settore, vi posso citare: Donatella Versace, Karl Lagerfeld per H&M, Jean-Paul Gautier per La Redoute, Ennio Capasa per OVS Industry, John Galliano per Zara e molti altri.

Il trend del co-branding nel settore della moda sembra essere un fenomeno inarrestabile e di enorme successo. I marchi della cosiddetta “fast fashion” ci hanno abituato a modelli di vendita e target di riferimento ben lontani da quelli delle passerelle. Eppure il connubio tra lusso e mass-market non è mai apparso così naturale come negli ultimi anni. Obiettivo: avvicinare il target delle grandi catene (giovane, dinamico, con un reddito medio o basso) ai brand di lusso e non il contrario. Questo meccanismo oltre ad arricchire in termini di business entrambe le parti, rafforza notevolmente l’identità del marchio del luxury e non lo sminuisce affatto come si potrebbe pensare. Dal mondo del lusso attingono parallelamente 2 tipologie di consumatori: uno, il target di riferimento, che acquista abitualmente e l’altro che acquista eccezionalmente. Un’unione veramente produttiva insomma!

Ma torniamo a Balmain for H&M. Pertanto è pronta la ricetta per una collezione bomba:

  • 1 kg di “democratizzazione” del lusso
  • 500 gr di streetstyle
  • Una spruzzata di top model del momento, con il mood giusto
  • 1 video di campagna pubblicitaria dal sapore street, per fare breccia nel cuore del pubblico giovane e “fastfashionista”
  • 1 pizzico di classe tipica del Brand, che fa sognare ognuno di noi, di avere almeno 1 capo

Video campagna pubblicitaria di grande impatto e carattere. Protagoniste: Kendall Jenner, Gigi Hadid e Jourdan Dunn. Alla fotografia, un nome tutto Italiano: Mario Sorrenti. Siamo orgogliosi e patriottici, poi, alla corte di Francia! Più lo guardo e più lo trovo geniale. Il sound fresco e grintoso, un mix che ricorda i mondi dello street, della danza e dello sport (freddy, Puma..), del mass-market (coca-cola). Tanta fisicità in mostra, ballerini, pattini, tanti sorrisi, volti molto giovani e divertiti, ma con un portamento austero. Atmosfera giocosa, come se i protagonisti stessero dicendo: ”Siamo fighi, siamo giusti, abbiamo capolavori sartoriali addosso, frutto di grande lavoro, ma stiamo giocando, niente di serio!”. Grandi preparativi e imponente fashion show a NY, il tutto condito da Top model come Kendall Jenner, Gigi Hadid, Joan Smalls, Alessandra Ambrosio, Karlie Kloss, Jessica Stam e Jourdan Dunn. Numerosi i vip: Diane Kruger, Coco Rocha e Alexa Chung. Una strepitosa performance live dei Backstreet Boys a lasciare in bocca del parterre quel sapore di stupore e nostalgia anni ’90.

 

Parola d’ordine della comunicazione: #HMBALMAINATION

con tanto di hashtag! Piu pop di così!

Giulia Castellani

About Redazione

Prova anche

…le cose che so di lui 2.0

Le cose che so di lui 2.0 Ama le stelle e le costellazioni, le indica …

Lascia un commento