sabato , Novembre 28 2020
Home / In Evidenza / Cosa serve a una scrittrice

Cosa serve a una scrittrice

Cosa serve a una scrittrice

Dafne è Lou, scrive libri e crea corsi per persone fragili, scrive su commissione per aziende e privati.

Non lo so, posso scrivere cosa sento serve a me.

Sarebbe facile dire lettori e vendite, una nutrita schiera di sostenitori (più spesso sostenitrici).

La verità è che ciò che fai online è un’azione necessaria senza essere risolutiva, è una traccia che lasci per chi ti troverà, quando accadrà, e così potrà leggere la tua storia a ritroso e decidere se le piaci.

Il sostegno lo trovi incontrando le persone, conoscendole, curando ogni rapporto come fosse l’unico. Questo vale per le grandi aziende, che rispondono ai clienti con solerzia, e per gli artisti. Solo chi ha un flusso forzato di compratori può trattare i clienti come una massa, che sarà scontenta ma non potrà fuggire.

Scusate se parlo di marketing in un post per un luogo magico, ma credetemi: la magia più bella si basa su ragionamenti solidi. È quella che più dura e più produce.

Servono porti sicuri, tutto qui. Cosa sono i porti sicuri? Luoghi in cui andare e sentirsi accolti e poi tornare e ritrovare facce note, che ti rincuorano del viaggio e delle case e vie sconosciute incontrate mentre scali le marce, da sola nell’auto, per raggiungere un luogo che prima non sapevi esistesse e ora c’è nella mappa della tua vita, che più viaggi e più si fa fitta.

Io ho alcuni approdi che spero diventino porti sicuri, dove tornare e ritornare mentre cresco con il mio scrivere.

Uno di questi si trova a San Marino, per ora è fatto di alcune facce e una persona, che mi ha accolto e aiutato a trovare la strada per proseguire in un momento in cui rischiavo di dovermi fermare. Lei è Chiara, per me rappresenta San Marino e la sua repubblica di lettori.

Per poco ho perso l’occasione di godermi una delle ultime avventure che la vede protagonista, il Circo Letterario, e ogni volta che ci penso vorrei andare perché credo che lo devo alla me bambina, che dentro a un tendone perdeva il fiato: essere io sul palco, con le mie piccole cose inutili che tanto amo fare — scrivere, conoscere, disegnare.

Lo so che ci andrò e questa cosa mi emoziona al solo pensiero, credo metterò un vestito rosso e vi racconterò una fiaba che sta risolvendosi con un lieto fine, una fiaba vera perché le fantasie più belle si basano su concrete azioni e progetti assennati.

È la mia vita e io scrivo e cerco porti sicuri, sicuri come il cuore di Chiara a San Marino, che ogni tanto batte anche per me e io sento il mio lavoro esistere, non solo per me, nella mia testa, ma là fuori, tra voi. Un sogno diventato realtà.

Dafne Perticarini

 

About Redazione

Prova anche

“Apericena con l’Artista” al Podere Lesignano

Sabato 28 novembre alle ore 18.30 primo appuntamento per “Apericena con l’Artista” il nuovo format ...