sabato , Aprile 17 2021
Home / In Evidenza / “Ades ho capì” di Checco Guidi

“Ades ho capì” di Checco Guidi

ADES HO CAPI’ . . .

di Checco Guidi

Adès a la ho capida . . . finalmènt,

ste virus . . . ch’u j amnés un acidènt,

un’ è arvàt pri chés sòura sta tèra

e chi ch’ n’ha colpa l’è ‘na grèn purchéra!

 

Adès a la ho capida . . . l’è ste e’ guèrni,

e a spér che el diévli ul pòrta giò tl’infèrni;

vést che l’è un pèz ch’ j insést ‘t cuntenui a dicc

ch’un nàs piò tint burdil e u j è trup vicc!

 

Ecco che s’una fèva . . . i faquajun

J’ha pèns da purtè a chésa. . . do piciun:

Sta “pandemia” la s porta vì j anzién

e quindi gnint pensiòun, bòja d’un chén!

 

E po’ i c’j ‘ha custrét in “Quaranténa”

ch’la durarà quarèntadé e ‘na stmèna . . .

e l’è un mòdi ‘dviva pròpji bof,

che, pàsa la surproisa, ut và m’u stof!

 

E magna e boi, e lègg e giuga a chérti,

un u s’artròva … ad bòta sàta al quèrti;

e al savém tot che i razulin in gàbia . . .

se in chénta pri amòur . . . il fa pri ràbia!

 

E po’ a vidrém piò avènti . . . st’èl Nadèl,

se tra i rigàl l’ariva chèc burdèl;

che i fiul l’è gioia e at quèst a so cuntènt

magari ui n’arvés tre, quatri cént!

 

Mo vést che i a so vècc . . . e an fàcc el dul,

a vè cunfès, s’ai pèns . . . um tira e’ cul,

s’a sint che tot i dé stà “Pandèmì”

ma quei dla mi età la i pòrta vì!

 

Méga pri gnint mo um scuciaria ‘na màsa

da un dé a cl’èlt andè a fnì t na càsa . . .

al so che nisun d nun . . . a sém etèrni

mo un dispiasria da fe un piasoir m’e’ guèrni!

Checco Guidi (Aprile 2020)

L’umore ai tempi del coronavirus: autoritratto

ADESSO HO CAPITO . . .

Adesso l’ho capita . . . finalmente,/ questo virus . . . che gli venisse un accidente,/ non è arrivato per caso su questa terra/ e chi ne ha colpa è un gran farabutto!/

Adesso l’ho capita . . . è stato il governo,/ e spero che il diavolo se lo porti all’inferno;/ visto che è un pezzo che insistono di continuo a dirci/ che non nascono più tanti bambini e ci sono troppi vecchi!/

Ecco che con una sola fava . . . i furbastri/ hanno pensato di portare a casa due piccioni:/ Questa “pandemia” si porta via gli anziani/ e quindi niente pensione, porco cane!/

Poi ci hanno costretto in “Quarantena”/ che durerà quaranta giorni e una settimana . . ./ ed è un modo di vivere proprio buffo,/ che, passata la sorpresa, ti stanca tanto!/

Mangia e bevi e leggi e gioca a carte,/ uno si ritrova . . . all’improvviso sotto le coperte;/ e lo sappiamo tutti che gli uccellini in gabbia . . ./ se non cantano per amore…. lo fanno per rabbia!/

Poi vedremo più avanti . . .il prossimo Natale,/ se tra i regali arriverà qualche bambino;/ che i figli sono gioia e di questo sono contento,/ magari ne arrivassero tre, quattro cento!/

Ma visto che io sono vecchio . . . e non sono noioso,/ ve lo confesso, se ci penso . . . ci rimango molto male/ a sentire che tutti i giorni questa “pandemia”/ a quelli della mia età se li porta via!/

Mica per niente, ma mi scoccerebbe molto/ da un giorno all’altro andare a finire in una “cassa” . . ./ lo so che nessuno di noi è eterno/ ma mi dispiacerebbe tanto fare un piacere al governo!/

La poesia fa parte della raccolta “Viandint” recentemente pubblicata dal poeta sammarinese.

Checco Guidi

About Redazione

Prova anche

Vorrei dirti che: lettera alla me stessa bambina

A cinque anni ero identica a Biancaneve “capelli nero ebano, bocca rossa come il sangue ...