mercoledì , novembre 14 2018
Home / Zoom / Arte del té / Tulsi: il basilico sacro della tradizione indiana

Tulsi: il basilico sacro della tradizione indiana

Pianta sacra della tradizione indiana, il Tulsi è il “Basilico Sacro”.

Il suo nome in sanscrito significa sposa di Vishnu, divinità protettrice del mondo e dell’umanità, che nella propria ultima reincarnazione si sarebbe trasformata proprio nel Tulsi. Il basilico sacro indiano viene impiegato dalla medicina ayurvedica per via delle sue proprietà benefiche: è un antistress, un antinfiammatorio, un cardiotonico e un espettorante. Ha inoltre proprietà digestive e antibatteriche. E’ utile per abbassare il colesterolo e i livelli di zuccheri nel sangue. ll tulsi è ricco di antiossidanti e protegge la salute del fegato e dei polmoni. La tisana di tulsi è benefica per abbassare la febbre e per regolare la pressione sanguigna, favorisce il benessere generale e migliora i livelli di energia. Aiuta l’organismo a depurarsi dalle tossine e mantiene la pelle giovane. Riduce l’acidità, allevia l’asma e i sintomi di raffreddore e influenza, purifica il sangue, migliora la memoria, protegge dalle malattie croniche e dai disturbi legati all’avanzare dell’età.

Tiziano Terzani, nel suo libro “Un altro giro di giostra” ne parla come di una “Pianta che apre il cuore, la mente e sveglia l’energia dell’amore e della devozione”….

pianta sacra tradizione indiana

 

About Redazione

Prova anche

Uomo bugiardo: occhio al linguaggio del corpo

Se ne facciano pure una ragione i paladini della verità a tutti i costi, ogni ...