sabato , ottobre 24 2020

Salita alla rocca

Mi tenta ancora andare su alla rocca

nel sole, ma oramai non bado ai giovani,

che con audace non curar si baciano

sull’aereo spianato dei mortai.

I colombi, che sul piazzale tubano,

frullano un po’ al colpo fragoroso;

battono poi le ali candide e inclinano,

non pavidi d’abisso, verso il Borgo.

M’attira ancora il forte baluardo,

a cui diuturnamente pioggia e sole battendo han dato grigia tinta e rughe:

lo sguardo segue strani geroglifici.

Il sasso che resiste al tempo edace

Ti presta tregua al rapido salire.

Intorno sai la vista di montano

anfiteatro e d’azzurrino mare.

Giuseppe Macina

About Redazione

Prova anche

la morbidezza degli spigoli

La morbidezza degli spigoli e i giorni che mi hanno resa chi sono

La morbidezza degli spigoli “Descriviti: racconta chi sei”… La descrizione fisica è uno dei più ...