mercoledì , giugno 3 2020
Home / In Evidenza / “Raccontami una storia”: Il salto nel vuoto

“Raccontami una storia”: Il salto nel vuoto

Il Salto nel Vuoto

di Giovanni Minio

 

Quel giorno ero di ritorno a casa, verso l’ora di pranzo, con mia moglie e mio figlio. Avevo un appuntamento per le due, ma guidavo lentamente e con i riflessi rallentati, a causa dell’iniezione mensile, e non solo, a cui ero sottoposto, che avevo da poco subito all’altro capo della città; una iniezione inspiegabile, difficile a comprendere e sulla quale ero da sempre curioso di indagare.

Tutto era molto strano, specialmente i volti di quei dottori, che con fare rassicurante mi sottoponevano, da moltissimo tempo, a queste iniezioni.

Stavo meditando su questa mia situazione, quando lo sguardo mi andò sullo specchietto retrovisore e vidi improvvisamente un carro funebre, nero, che mi seguiva.

Lo dissi a mia moglie. E lei, divertita, mentre il carro ci superava: “Ma ci sei tu nella cassa”!

Guardando bene, vidi sul carro, scritto il mio nome, la mia data di nascita e di morte con i rispettivi luoghi.

Rimasi sorpreso, stupefatto e ammutolito.

Arrivato a casa, dimenticai l’appuntamento, mi buttai sul letto e cominciai a rammentare qualcosa: ero stato ricoverato 10 anni prima. Partito con una carovana di artisti, dove mi era stato predetto un “Grande Salto nel Vuoto”, al ritorno, ero stato internato e costretto a ininterrotte somministrazioni di fortissime dosi di ogni genere di calmanti, sedativi, psicofarmaci e sostanze, fuori e dentro i mercati farmaceutici internazionali, che venivano periodicamente e giornalmente sperimentate sulla mia persona, per tentare di rendermi, a ogni costo, encefalogrammaficamente piatto.

Il tempo è passato.

Mia moglie non c’è più.

Altri 23 anni sono trascorsi.

In tutto 33.

Oh! Gesù!

Hanno smesso ieri. Il giorno di Natale.

Forse ce l’ho fatta

 Giovanni Minio

About Redazione

Prova anche

Raccontami una storia: “Cortesia”

Cortesia Racconto di Giovanni Renella Chissà perché, a distanza di quasi cinquant’anni, la memoria recupera ...