venerdì , dicembre 14 2018
Home / News / A tavola / Mangiare pasta ed essere felici

Mangiare pasta ed essere felici

E’ ora di sfatare i falsi miti sulla pasta: non è vero che non si può mangiare la pasta la sera; e perché mai privarsi di una bella carbonara? Secondo la nutrizionista Serena Missori, la pasta fa bene, non solo alla salute ma anche all’umore.

Per poterla godere al meglio, basta seguire alcuni consigli e potremo concederci il piacere di uno degli alimenti più apprezzati della gastronomia, che il mondo intero ci invidia, senza essere ossessionati dalla linea.

 

Innanzi tutto, prediligete pasta di grano duro, meglio se trafilata al bronzo e anche integrale; ancora meglio gli spaghetti adatti ai diabetici che hanno un indice glicemico inferiore e possono essere gustati anche da coloro che devono perdere peso.

Assolutamente vietata la pasta scotta! La pasta deve essere al dente, perché da più sazietà e viene digerita più facilmente.

Sempre ottima, una bella spaghettata saltata in padella con olio extravergine di olive e spezie. Ma ogni tanto possiamo concederci anche una bella carbonara con uova e pancetta per aggiungere proteine: questa combinazione stimola la tiroide, e accompagnandola con della verdura amara si favorisce la riduzione di ritenzione idrica.

 

Infine, un’ottima notizia per tutti: la pasta può essere consumata la sera, soprattutto se siamo stressati e soffriamo di insonnia, se siamo in menopausa o sindrome premestruale. La pasta consumata alla sera favorisce la sintesi di serotonina e di melatonina, che influisce sul rilassamento e di conseguenza facilita il sonno. Il rilassamento, inoltre, riduce gli ormoni dello stress, fra cui il cortisolo, responsabile dell’aumento del peso.

Quindi, buona pasta a tutti!

 

Fonte: huffingtonpost.it

About Valentina Polverelli

Prova anche

Cristo si è fermato a Eboli: dal libro di Carlo Levi al film di Francesco Rosi

Cristo si è fermato a Eboli: dal libro di Carlo Levi al film di Francesco ...