martedì , settembre 17 2019
Home / In Evidenza / In viaggio come un eroe

In viaggio come un eroe

Ph Paola Arcangeli

In viaggio come un eroe

Concreta o astratta, reale o immaginaria, c’è sempre in ognuno di noi una bestia da combattere. Per questo, una volta imparato a parlare, gli uomini avrebbero inventato le favole che conosciamo, in cui formidabili eroi compiono lunghi viaggi per sconfiggere draghi e salvare principesse. Intorno a quello stesso fuoco che li aveva visti vincitori, poi, le avrebbero raccontate ai loro figli, perché nel caso i draghi tornassero, non dimenticassero come sconfiggerli. Perché non dimenticassero la lotta per la sopravvivenza, insomma.

E il fatto che il viaggio dell’eroe sia diventato l’archetipo più potente che da Guerre Stellari a Indiana Jones pulsa sotto gran parte delle storie che ancora oggi amiamo sentirci raccontare, mi sembra la miglior prova che i figli, i figli dei figli, i figli dei figli dei figli e così via, fino ad arrivare a noi, non hanno dimenticato.

danzando sotto la pioggia
Danzando sotto la pioggia

Il viaggio dell’eroe

Raccontare una storia è raccontare ogni passo dell’eroe verso la principessa e ogni passo del drago contro l’eroe. L’energia sprigionata dall’attrito tra movimenti verso e movimenti contro è la benzina di ogni narrazione: il vento che sostiene l’aquilone della storia nei suoi volteggi. Proprio come un aquilone, infatti, una storia sale quando incontra correnti d’aria calda che lo sostengono e precipita in picchiata se incappa in un vuoto d’aria.

Ed è in questo guadagnare e perdere quota che si delinea il suo percorso.

Ogni storia ne ha infatti uno preciso e nascosto, il più delle volte ben diverso da quello pianificato in partenza. Un percorso misterioso che sarà la risultante dell’itinerario iniziale stimato e delle variazioni dovute agli imprevisti di viaggio. E che solo alla fine di una storia, come alla fine di un viaggio, si rivelerà ai nostri occhi con tale chiarezza da poter essere tracciato su un foglio: una sequenza di alti e bassi che ricorda il profilo frastagliato di una catena montuosa o il tracciato zigzagante di un elettrocardiogramma.

Nonostante questo però, nonostante solo alla fine del viaggio si possa davvero conoscere il numero e la direzione esatta dei passi fatti, senza un itinerario di massima del loro viaggio – cioè della loro storia – alcuni scrittori non si mettono nemmeno in viaggio. Sono gli scrittori che, decisa una meta, si sforzano di prevedere ogni più piccolo imprevisto, e una volta in viaggio si attengono il più possibile alla rotta tracciata, consultando la loro mappa ogni volta che si perdono per capire dove hanno sbagliato strada e in quale valle sconosciuta si trovano.

tratto dal saggio di Eric Minetto “In direzione ostinata e contraria”

fotografie di Carlo Biagioli

la processione
La processione
Sadhu, sanyasi e vagabondi. Oggi si trasporta la casa in onore di Ganesh. Kilometri e kilometri di penitenza in nome di Dio

 

Delhi police
Delhi police

 

sleeping time
l’ora della nanna

About Redazione

Prova anche

Ricordandoti

Ricordandoti   Le mani esili, grigie, delicate come foglie secche cadute in una giornata d’autunno ...