domenica , novembre 17 2019
Home / Senza categoria / Cosa abbiamo visto per te / Commedia e professionismo. L’Arte ride del dilettante!

Commedia e professionismo. L’Arte ride del dilettante!

Un ottima accoppiata, ironica, sana e intelligente, ecco Verdone e Albanese, due bravi attori italiani. “L’abbimo fatta grossa” è un film ironico, sarcastico e ben interpretato. La regia di Verdone è lineare, certamente poco visionaria ma pulita e ben costruita. La sceneggiatura è divertente, con piacevoli gag, ben distanti dai classici cinepanettoni o altre “commedie” italiane, stanche irritanti e davvero poco sorprendenti.

verdone-okAlbanese e Verdone sono senza dubbio due identità ben distinte, hanno un background diverso ma un comune pregio: osservare le miserie umane. Miserie inteso come fobie, ansie, vizi, resistenze psicologiche, paure e tic. Sono due attori che hanno regalato al pubblico meravigliosi personaggi, veri, ben studiati e costruiti, attenti alle inflessioni dialettali al costume alle movenze, specifici nella caratterizzazione quindi. Questo Film può essere preso in considerazione o meglio, può essere definito come una “Buona Commedia italiana Moderna” a differenza della porcheria (scusate il termine forse poco ortodosso, ma sono esausto della robaccia che ci rifilano moltissime produzioni cinematografiche italiane specie sotto natale) intelligente, ben fatto, in pratica una verità ben detta.

E attenti, molto attenti alla commedia, in europa i francesi battono tutti. Sono appena tornato da Parigi, dove l’aria, oltre ad essere molto fredda è sinceramente ancora spaventata a causa degli eventi passati, il cinema , la televisione, i teatri sfornano commedie come fossero macaron!

Nel Marais, bellissima zona nel centro di Parigi, c’è un piccolo teatro con un cartellone ricchissimo di commedie, letture, proiezioni, monologhi, tutto al’insegna della grassa risata! Ogni sera passando difronte al teatro, alloggiando io in zona, mi veniva offerto un volantino pubblicitario di uno spettacolo diverso. La televisione su molti canali aveva in programma commedie d’autore, programmi televisivi comici, programmi d’arte… ARTE, tanta arte a Parigi, fervida, brillante, moderna, nuova, attenta al’uomo e alle sue esigenze, arte in funzione di uno sviluppo della mente, arte da mangiare, da osservare ma soprattutto arte da vivere sotto la pelle. Sembra un termine strano, ma le emozioni, anche se partono dal cervello, molte volte le sentiamo nel sangue e sotto la pelle le vene brillano.  Parigi oggi è in assoluto la capitale europea dell’arte contemporanea, vernissage, mostre, set cinematografici etc etc e spettacolare è osservare l’organizzazione del tutto. Il professionismo è consacrato.

rag-okBellissima e immensa è stata anche MAISON & OBJET, la fiera del desing e arredo casa. Otto padiglioni enormi con centinaia di espositori ognuno con uno specifico articolo. Davvero spettacolare era il padiglione delle grandi marche con stand espositivi da centinaia di migliaia di euro. Il design, l’arredamento di interni ha toccato davvero un picco di bellezza elevatissimo. Il lusso è protagonista , certo per chi se lo può permettere, ma davvero la parte entusiasmante è lo studio di architetti e design attenti al comfort per l’uomo. Stare comodi, attorniati dal bello, facile accesso ad un idea, un urgenza del inquilino della camera abitata. Pazzesco è vedere la differenza netta tra un professionista e un dilettante; L’attenzione verso il particolare è forse proprio quella differenza sostanziale che eleva un fatto da un altro. Se nella costruzione artistica di un evento che sia cinema, teatro, arredamento, pittura canto… fossimo assolutamente più specifici attenti e ordinati, sicuramente l’etichetta di pressapochisti decadrebbe in un istante. Creare un fatto concreto è attraversare quel idea, quel sentimento vivendo onestamente quel passaggio tra l’essere e il volere, riuscirebbe a far salire di grado la nostra intelligenza e a spingerla ancora di più verso nuovi orizzonti, sicuramente più sani, più veri e più puliti. Ridere, essendo uomini attenti e preparati, renderà comico forse, un libero sbaglio inerme nel suo essere poco preparata e ancora dilettante.

Fabrizio Raggi

dreamroomrsm.com

About Redazione

Prova anche

Autoritratto: “Un saluto al mio mondo” di Caterina De Nisco

Caterina De Nisco ha partecipato al concorso d’arte a tema “Autoritratto”, organizzato dalla Carlo Biagioli ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.