mercoledì , novembre 14 2018
Home / News / Come si fa / Come illuminare la tua casa: i consigli per ogni ambiente

Come illuminare la tua casa: i consigli per ogni ambiente

Quando decidiamo di arredare casa, fare delle piccole modifiche o stravolgerla totalmente, prima scegliamo i colori, lo stile, gli arredi, i decori e spesso l’illuminazione è l’ultima cosa a cui pensiamo.

Capire il modo migliore per illuminare la nostra casa è molto importante perché la luce condiziona le nostre abitudini, i nostri movimenti e anche i nostri umori.

L’illuminazione non ha soltanto una funzione pratica, ma aiuta anche a valorizzare un ambiente, focalizzare l’attenzione su un determinato elemento e creare un’atmosfera particolare.

Per capire come illuminare ogni stanza bisogna partire dall’individuare le attività che si svolgono all’interno di essa. Grazie a questo infatti sapremo se abbiamo bisogno di molta o poca luce.

Illuminare il Soggiorno: diverse atmosfere per diverse attività

Il soggiorno è l’ambiente più ampio della casa, quello più vario (perché al suo interno svolgiamo tante attività diverse) e quello in cui passiamo più tempo.

Per questi motivi è il più complesso da illuminare ma seguendo una certa logica il lavoro sarà facilitato.

Bisogna per prima cosa suddividere l’ambiente in piccole zone in base alle attività che vi si svolgono.

Nella zona relax, quindi dove abbiamo divani e poltrone, l’intento è quello di creare un’atmosfera calma e rilassante. Per questo motivo dobbiamo inserire un’illuminazione indiretta, attraverso piccole lampade su tavolini o lampade da terra che creeranno una luce soffusa.

Se avete una zona lettura o scrivania è importante che sia ben illuminata. Qui dovete leggere ed essere concentrati quindi la luce non può essere poca. In questo caso è consigliata una luce che proviene dall’alto e anche una piccola lampada da tavolo per illuminare al meglio la scrivania.

Se poi vuoi dare un tocco più originale all’ambiente puoi scegliere di inserire faretti direzionabili (molto pratici perché puoi decidere dove puntarli), led a pavimento o a battiscopa (per creare un’atmosfera elegante e rilassata).

il soggiorno
Nella scelta dell’illuminazione è necessario suddividere l’ambiente in piccole zona a seconda delle attività svolte

 

La Cucina: illuminare i piani di lavoro

In cucina la cosa più importante è l’illuminazione dei piani di lavoro, del lavandino e dei fornelli. È qui infatti che svolgiamo tutte le attività dell’ambiente: prepariamo i pasti, puliamo, cuciniamo, laviamo, e per tutte queste faccende ci serve luce.

La soluzione migliore è quindi quella di inserire barre luminose sotto ai pensili e una lampada al centro della stanza per l’illuminazione generale.

la cucina
Fondamentale è l’illuminazione dei piani di lavoro

Le luci in Camera da letto: la testata e l’armadio come punti focali

La camera da letto è un po’ il nostro rifugio, dove possiamo stare un po’ da soli, tranquilli e rilassati.

Anche in questa stanza si svolgono diverse attività quindi sono necessari diversi tipi di illuminazione.

Innanzitutto ci serve un’illuminazione generale, con lampadari o applique, per quando dobbiamo svolgere attività che richiedono più attenzione ( ad esempio prendere o sistemare cose nei cassetti o nell’armadio).

Per la sera, quando magari volete leggere un libro ma non volete disturbare con troppa luce, posizionate delle luci sui comodini, oppure inserite della barre luminose nella testata del letto.

Altre luci possono essere inserite tra i ripiani dell’armadio, per riuscire a trovare più facilmente tutto quello che vi serve.

la camera da letto
Vi si svolgono attività diverse sono necessari diversi tipi di illuminazione

 

Il Bagno: l’importanza delle luci sullo specchio

Nel bagno i punti d’interesse sono la zona lavandino/specchio e la zona doccia/vasca.

Per quanto riguarda la prima area abbiamo bisogno di una luce intensa e focalizzata sullo specchio, è qui infatti che ci prepariamo ogni giorno e affinché siamo perfetti ci serve una buona luce per vederci al meglio.

Nell’area della doccia o della vasca invece basta una luce meno potente, che crei un’atmosfera più distesa.

Oltre a questi 2 tipi di illuminazione è sempre necessaria una luce generale diffusa con un lampadario centrale o delle applique.

il bagno
i punti d’interesse sono la zona lavandino/specchio e la zona doccia/vasca

Silvia Cardinali

 

About Redazione

Prova anche

Uomo bugiardo: occhio al linguaggio del corpo

Se ne facciano pure una ragione i paladini della verità a tutti i costi, ogni ...