martedì , Maggio 21 2024

Sesso con i robot: siamo pronti?

E dopo il telefono che limona, il robot che ciula, così giusto per non farci mancare niente.

Un sondaggio su scala nazionale ha rivelato che il 50% delle donne è insoddisfatta della sessualità all’interno delle relazioni. Adesso, non voglio fare polemica a tutti i costi, ma c’era bisogno di scomodare un sondaggio nazionale? Bastava andare dalla parrucchiera il sabato mattina per sapere che il sesso appagante non abita qui!

E la dice lunga sull’argomento l’aumento delle vendite dei sex toys, che potrebbero sembrare appannaggio dei single, e invece corrono in aiuto delle coppie, che vuoi per noia, per imbarazzo, perché centrifugate dalla quotidianità o semplicemente per pigrizia, vivono la sessualità con lo stesso brio che può avere un bicchiere di acqua naturale.

Il vero problema qui, cari maschietti, è che la tecnologia viaggia a velocità della luce per soddisfare i bisogni di possibili acquirenti, e che a seconda delle necessità  emergono soluzioni ad hoc che lasciano ben poco all’immaginazione. L’asticella si alza sempre di più, e la competizione col mondo cibernetico è sempre più reale. E quando ad acquistare sono le donne, l’attenzione è ai massimi livelli.

L’insoddisfazione sessuale è un campanello di allarme estremamente importante all’interno delle relazioni, e spesso e volentieri ne determina la fine. Ma cosa vogliono queste donne che gli uomini di oggi non riescono a dare? Non tutti gli uomini, che sia chiaro! Non si può fare di tutta l’erba un fascio, ma i maschi alpha sono davvero pochi, e quelli che esistono se li sono già accaparrati donne intelligenti che ci hanno visto lungo!

Sesso: cosa vogliono le donne

Le donne  a letto vogliono:

  • Prestazioni lunghe ( non me lo sono inventato ma ho fatto un piccolo sondaggio), e non cinque minuti di brio e poi bolla al naso!
  • Il raggiungimento del piacere, per prime!! E non uomini che consumano tutto il caricatore prima ancora che loro prendano la mira!
  • Il raggiungimento del piacere!
  • Fiducia totale nel proprio compagno di gioco

E sapete cosa è successo?

Che l’uomo ha un nuovo concorrente.  Sempre in Gran Bretagna si è tenuta una conferenza il cui argomento principale era : “Sesso fra umani e robot”, con tanto di prototipo che probabilmente vedrà la luce e l’inserimento sul mercato attorno al 2025.

Questi robot, le cui prestazioni superano di gran lunga quelle degli uomini, rispondono senza dubbio in maniera positiva alle attese delle donne più esigenti, e c’è anche chi avanza l’ipotesi ( neanche così remota, secondo me) che molte donne potrebbero preferirli agli uomini stessi. In fin dei conti condividere la vita sessuale con un robot eviterà il rischio di malattie sessualmente trasmissibili, di gravidanze indesiderate e problemi di infedeltà!

L’informatico Alan Touring sostiene che nel 2050 si potrà discutere tranquillamente con un robot senza rendersi conto che è un umanoide.

Adesso, io dico: ma facciamo davvero?

Vabbè che questi robot saranno sempre pronti e sul pezzo per ogni raptus sessuale delle loro “padrone”, che non avranno tempi di recupero,  non le lasceranno sul più bello ma le porteranno alla meta e anche più in là, che non cadranno in un sonno eterno dopo l’amplesso e saranno disponibili anche alle coccole post rapporto, ma vogliamo mettere un uomo in carne e ossa?

Adesso, dopo questo preambolo capisco che il paragone è difficile e non proprio a favore del genere umano, ma dove li mettiamo tutti quei dettagli che attivano i nostri sensi e a volte dirottano la nostra capacità pensante tanto entrano in circolo? L’odore, il sapore, il calore di un altro corpo vicino al nostro, il suono della voce, l’intensità dello sguardo….

Com’è possibile che un robot sia più appetibile e interessante di un uomo?

C’è chi potrebbe dire che, dopo averli provati, tutto il resto è noia (soprattutto se se lo fa commissionare su misura), ma voglio continuare a fare il tifo per gli uomini!

Datevi una svegliata però, che la brioches vegana, la depilazione totale, le sopracciglia ad ali di gabbiano morto da un lato, e il lasciarsi andare, tatuarsi “pigrizia” sulla fronte, uccidere la fantasia e l’andamento suino dall’altro, non si possono affrontare.

Trovate la vostra via di mezzo e fate il culo a questi robot!!

Mi fido di voi!

Maruska Cappelletti

About Redazione

Prova anche

“CONSIDERAZIONI SEMISERIE SULLA MIA DEMENZA SENILE” di Renata Rusca Zargar

CONSIDERAZIONI SEMISERIE SULLA MIA DEMENZA SENILE Una stimata famiglia di negazionisti   Provengo da una …