giovedì , Luglio 18 2024

Paolo Poli, la libertà di un attore

Pochi giorni fa è venuto a mancare una grande attore italiano:  Paolo Poli. Ironico, geniale, drammatico e feroce al tempo stesso; Poli, egregio rappresentante della storia del teatro italiano del 900 e per parte del muovo millennio, è stato una figura artistica fondamentale per lo sviluppo di un pensierino sociale attento all’arte e al nuovo.

paolo-poli-654x404Fin dagli esordi, Poli non ha mai avuto paura di rappresentare il suo essere, la sua essenza, i suo amore e la sua natura. Grande preparazione artistica e grande insegnamento culturale,  non ha mai avuto paura di essere quello che voleva essere, senza remore, senza freni, senza limiti. Attento alle parole, rispettoso sempre della sua intelligenza e a quella del prossimo, ha dimostrato che si può essere onesti intellettualmente fino alla fine.

Una carriera artistica di altissimo livello, Poli ha aperto la strada a molti artisti che come lui amavano piume, paillettes e lustrini, interpretando le grandi dive e le gradi eroine di tutti i tempi. Indimenticabile nei panni di Caterina dei Medici.

l43-paolo-poli-attore-130107180020_bigPoli ha sempre accettato nella sua arte il suo essere totalmente uomo, al di la di ogni convenzione sociale, taboo o paura.

I suoi spettacoli allestiti ancora come usava nel dopo guerra , carichi di fondali mobili disegnati e di abiti magistralmente cuciti ad arte erano una meraviglia di semplicità, ironia, divertimento e serietà!

Poli era un attore coraggioso, innovatore e preparato. Fu , forse tra i primi, a portare personaggi di travestiti in teatro e nelle prime trasmissioni della RAI nei bigotti anni del 1960 e 70’ ridendo e divertendosi nei suoi skatc, monologhi e canzoni.

Fu uno dei primi a dichiararsi omosessuale  andando contro i “pensierini benpensanti” del tempo e ironizzando con grande classe su di una società già da allora troppo ipocrita, cattolica e violenta.

poli-239983Ha lavorato con i più grandi del teatro italiano, diventando lui stesso un vero grande del teatro e tutti coloro che hanno avuto l’onore di conoscerlo o di lavorare con lui hanno vissuto la stessa sensazione: di trovarsi di fronte un uomo rispettoso, educato, intelligente e molto preparato.

Lode ad un grande artista quale era.

Laureato in letteratura francese comincia ad affermarsi intorno agli anni cinquanta: i primi esordi sono nei piccoli teatri facendosi notare per la sua pungente ironia, e per  la sua vena poetica e surreale contornata da momenti comici e giochi linguistici apprezzati anche da capocomici illustri come Tina Pica e Polidor, con i quali ebbe modo di lavorare.

PaoloPoli1-1000x600Entra in RAI nei primi anni sessanta protagonista di una trasmissione televisiva sulla RAI in cui legge delle favole per bambini, tratte da Esopo e da famosi racconti letterari. Sarà ospite e protagonista in Rai di tante trasmissioni e fu proprio lui sul finire degli anni sessanta, a scoprire un giovanissimo Marco Messeri, che difatti può essere considerato teatralmente l’unico vero erede di Poli. Sempre per la RAI, realizza lo sceneggiato I tre moschettieri, insieme con Marco Messeri,Milena Vukotic e Lucia Poli.

Lavora inoltre con Sandra Mondaini in Canzonissima.

1309249632665paolo_poliRifiutò, come lui stesso racconta, una parte in  propostagli dall’amico Federico Fellini. Ha diretto come regista ed è stato principale attore di varie opere teatrali, fra cui Aldino mi cali un filino, Rita da Cascia, Caterina De Medici, L’asino d’oro, I viaggi di Gulliver, La leggenda di San Gregorio, Il coturno e la ciabatta e La nemica di Dario Niccodemi.

Lo spettacolo Rita da Cascia, che dava una lettura comica e irriverente della storia di Santa Rita, diede vita a molte polemiche, con Oscar Luigi Scalfaro che fece un’interrogazione parlamentare sul caso.

cover poliCompiuti gli 80 anni, è ancora attivo e recita nei Sillabari, commedia tratta dai racconti di Goffredo Parise.

Ha anche recitato in vari audiolibri, tra cui una edizione di Pinocchio, edita nel 1968 da Fratelli Fabbri Editori e composta da 21 dischi a 45 giri, e l’audiolibro integrale delle ricette di Pellegrino Artusi, edito da Emons Audiolibri per un totale di quasi 25 ore.

Ha coltivato anche la carriera di cantante, pubblicando un primo singolo nel 1960 e in seguito diversi album veri e propri.

Anche sua sorella Lucia è attrice teatrale e cinematografica, e insieme con lei, a partire dagli anni settanta, ha interpretato quattro spettacoli teatrali.

Fabrizio Raggi

About Redazione

Prova anche

Buon vento piccola donna!

Quando io mi trovo in una situazione di poca chiarezza sulla strada da prendere, sulla …