lunedì , Dicembre 6 2021
Home / In Evidenza / Il Palio del Sangiovese è anche….mostra fotografica

Il Palio del Sangiovese è anche….mostra fotografica

Il Palio del Sangiovese, il 17 e 18 giugno, nel centro storico di Borgo Maggiore sarà anche location di una mostra fotografica.

Le fotografie di Paolo Colonna, Paolo Crocenzi, Simone Maria Fiorani e Fabio Franchini saranno esposte presso l’Androne della Divina Commedia, per tutta la durata dell’evento.

Conosciamo più da vicino questi fotografi:

Paolo Colonna

Sammarinese nasce il 23 02 1965. Non è un fotografo e non vuole esserlo ma ritiene la fotografia uno strumento adatto ad una propria ricerca interiore , di una postura tesa verso qualcosa che lo attrae di qualsiasi natura cercando di dargli un’anima.

Paolo Crocenzi

è nato nel 1966 nella Repubblica di San Marino. Dagli anni ’80 si avvicina da auto didatta alla fotografia, e dopo aver frequentato numerosi workshops inizia a collaborare con diverse aziende italiane per la creazione di cataloghi e fotografie di eventi a carattere nazionale .

Le sue foto sono esposte presso l’Ambasciata della Repubblica di San Marino in Roma e presso l’Ufficio di Stato per il Turismo della Repubblica di San Marino,inoltre le sue fotografie sono state selezionate per diverse pubblicazioni edite sulla Repubblica di San Marino.

La sua passione per la street photography e il photo reportage lo hanno condotto spesso in giro per il mondo durante gli ultimi anni,portandolo a collaborare con alcuni artisti statunitensi.

Simone Maria Fiorani

nasce a Rimini il 2 maggio 1965, sammarinese di adozione da circa 20 anni, vive a Serravalle dove svolge il lavoro di informatico e fotografo. Utilizza quotidianamente la macchina fotografica dall’età di 16 anni. Reporter di viaggi e ritrattista ama fotografare il vivere quotidiano delle persone. A settembre 2016 uscirà un suo libro fotografico su San Marino.

Fabio Franchini

nasce a Riccione il 4 marzo 1962. Il suo primo approccio alla fotografia risale alla fine degli anni 70: un amico che lavorava come “scattino” in un dancing gli chiese di dargli una mano nelle serate estive di punta. Si entusiasmò sin dai primi click e poi volle scoprire anche la magia di ciò che accadeva nella camera oscura costruita artigianalmente, rapito dalle sensazioni di quegli odori pungenti avvolti nella calda luce rossa di una lampadina verniciata. Ricorda ancora con nostalgia la sua vecchia Yashica, inseparabile compagna dei numerosi viaggi in Italia e in Europa. Il bianconero lo affascinava in modo particolare, così come lo affascina ancor oggi. Fabio è convinto che ciò che fa la differenza in uno scatto non è la tecnologia racchiusa in questa o quella fotocamera, bensì il modo di vedere ed interpretare la realtà: la tecnologia non è senza tempo e non emoziona, dice. Le nostre creazioni sì.

mostra fotografica Palio

mostra fotografica

mostra foto al palio

 

About Redazione

Prova anche

“Finalmente sono qui” di Renata Rusca Zargar

FINALMENTE SONO QUI di Renata Rusca Zargar Finalmente sono qui, all’aeroporto. Tra due ore decollerà ...