sabato , Aprile 20 2024

Lettera ai miei figli sull’amore

Lettera ai miei figli sull’amore

di Daniela Malpeli

foto Elia Stacchini

Staccho

L’amore è semplice bambini miei, ma nessuno ce lo dice. E se anche ce lo dicessero, forse non ci crederemmo, perché tutto quello che ha a che fare con il cuore di solito è complicato. Un casino di passioni e turbamenti, estasi e sofferenze. E allora ci convinciamo che debba per forza essere così anche l’amore, come le montagne russe.

L’amore è semplice per voi adesso: ha il volto di mamma e papà e il suono delle nostre risate, il profumo della pizza che cuoce nel forno di casa, il sapore dei bacini della buonanotte.

Ma crescerete, e allora ecco le montagne russe, che a volte vi faranno volare e altre volte vi faranno venire mal di pancia. Non ci capirete più niente, almeno per un po’, e cercherete una spiegazione, un senso, un algoritmo che regola il gioco delle parti. Imparerete a conoscere le mille sfumature di questo sentimento: a ciascuna darete un nome e un volto, ciascuna avrà qualcosa da insegnarvi e vi lascerà un ricordo indelebile. Un frammento che porterete sempre con voi, mentre lascerete indietro tutto il resto.

L’amore è semplice per me adesso, l’ho capito con il vostro papà.

Non è stare insieme per paura di essere soli e non è nemmeno scappare e rincorrersi senza riuscire mai a prendersi. Non è analizzare le pieghe dell’anima in cerca di una definizione. Non è nemmeno fondersi l’uno nell’altra fino a non riconoscersi più.

È molto più semplice. È sentirsi a proprio agio, comodi, confortevoli nell’abbraccio e nello sguardo dell’altra persona, così tanto da permettersi il lusso di essere sé stessi. È refrigerio, come stare davanti al ventilatore in una giornata d’estate. È sapere di avere un fan, una persona che crede in te anche più di te e ti sostiene in ogni tua follia. È sentire il cuore caldo nel vedere la felicità dell’altra persona. E poi è crescere insieme, fare progetti che anche se non si realizzano pazienza, perché lo stare insieme, in certi momenti, basta per essere felici.

Ma è anche giocare di equilibrio, per essere sempre due metà della stessa mela. È allenare la memoria, per ricordarsi di quando si è accesa quella fiamma. Cos’è che mi aveva fatto battere il cuore così forte? Chiudo gli occhi e torno a quel momento, rivivo quell’emozione perché sia sempre con me.

L’amore è tutto questo e tanto, tanto altro.

Ma l’amore, bambini miei, è una scelta, perché il colpo di fulmine è un seme, ma farlo diventare una quercia dipende da noi.

Comunque voi amate, amate sempre perché l’amore non è mai sprecato.

La vostra mamma

 

Questa lettera è risultata la vincitrice del concorso organizzato da Zoomma per celebrare il giorno dell’amore “A San Valentino dillo con una lettera”

About Redazione

Prova anche

La storia di Padre Marcellino ospite del Caffè letterario del Titano

La storia di Padre Marcellino ospite del Caffè letterario del Titano Venerdì 19 aprile alle …