lunedì , Luglio 15 2024

La pelle: che cos’è e cosa racconta di noi

C’è un abito che indossiamo appena veniamo alla luce e che ci accompagna durante tutta la vita. E’ un abito che non passa mai di moda, che cambia insieme a noi, che deve essere lavato, curato e osservato. E’ un abito magico, perché parla. Parla attraverso colori, odori, immagini astratte che in realtà riguardano disagi concreti. Quest’abito è la nostra pelle, l’organo più grande che abbiamo, che avvolge il nostro corpo, ci protegge e allo stesso tempo rappresenta il confine col mondo esterno. La pelle è il “luogo” dove  la nostra vita e in nostro modo di essere dialoga con ciò che c’è fuori di noi.

Ecco perché tutte le problematiche che hanno a che fare con la pelle riguardano i nostri contatti con gli altri. Sin dal primo respiro è la pelle che ci fa sentire a casa, quando veniamo appoggiati sul petto della mamma per sentire che il legame che c’era dentro c’è anche fuori, e l’organo che permette questa continuità è la pelle, col suo calore e il suo odore. E’ l’organo del tatto, quello che per primo ci fa sentire parte di qualcosa di più grande oltre a noi. Attraverso  il tatto e la pelle scopriamo che il mondo ha diverse consistenze, più o meno piacevoli, e impariamo a riconoscere che se qualcosa non ci convince “a pelle”, forse non va bene per noi.  E’ un po’ la cartina tornasole delle nostre emozioni più profonde, che a volte abbiamo paura di vedere, quelle che a volte non vediamo proprio ma chiedono udienza, e infine quelle che ci vorrebbero far fare un salto di qualità nella nostra consapevolezza ma che ci rifiutiamo di ascoltare.

La pelle: problematiche

I problemi legati alla pelle sono a volte difficili da curare, proprio perché hanno una componente emotiva complessa e profonda, che richiede uno sforzo notevole per essere affrontata e soprattutto accettata. E’ un percorso di conoscenza di sé, di coraggio nel guardare in faccia situazioni scomode a volte, di assumersi la responsabilità di chi siamo e di cosa proviamo a dispetto del giudizio degli altri. Noi esistiamo a prescindere dalle altre persone, da cosa dicono, pensano o credono di noi. Per stare bene dobbiamo sentirci a nostro agio nella nostra pelle, e se così non è vuol dire che dobbiamo intervenire per aiutare noi stessi ad essere liberi di esprimere ogni emozione senza paura.

Vediamo un po’ più da vicino alcuni disturbi legati alla pelle utilizzando la visione della meta medicina, secondo la quale i disturbi legati alla pelle si possono ricondurre a sensazioni di rifiuto, abbandono, svalutazione o incomprensione degli altri verso di noi o di noi verso noi stessi. Riguardano anche una collera non espressa, il senso di colpa per non essere perfetti , per non sentirsi all’altezza delle aspettative altrui o personali, e così via.  Diciamo che invece del messaggio in bottiglia lo abbiamo a “fior di pelle”.

L’eczema, per esempio, è un’affezione connessa ad emozioni che riguardano la perdita di contatto con una persona cara. Può essere una partenza, una separazione o un lutto. A volte non è reale l’allontanamento, ma solo percepito così da chi lo vive. E’ reale per lui, e questo basta per scatenare il problema. Ci sono poi significati diversi a seconda che compaia sulle mani piuttosto che sui piedi, ma in generale si collega sempre a un allontanamento dagli affetti, per svariate ragioni. Un eczema diffuso sul corpo è possibile riguardi la sensazione di essere stati tagliati fuori, respinti o completamente abbandonati da qualcuno che per noi era una fonte di affetto. Quindi un dolore da separazione o la paura di venire separati da qualcuno a cui si tiene molto e rimanere soli.

L’acne, ha a che fare con il senso di svalutazione personale. E’ presente spesso negli adolescenti che si sentono non integrati ed esclusi dal gruppo dei compagni, o che si svalutano fisicamente. Questo svalutarsi può derivare da osservazioni di cattivo gusto da parte dei coetanei. Quando è sul volto, una grave forma di acne denota il rifiuto della propria persona. Ci svalutiamo paragonandoci agli altri, trovandoci brutti, troppo magri o grassi, non all’altezza, stupidi, etc. Dal momento che ci auto rifiutiamo non vogliamo essere avvicinati. Sulla schiena può essere connessa al farsi carico di molte responsabilità per paura di venire rifiutati. Tuttavia se non riusciamo a farvi fronte ecco che ci rifiutiamo d soli.

I pruriti cutanei possono esprimere ansia ma anche impazienza, e quando il prurito ci fa grattare selvaggiamente, quasi da toglierci la pelle, la causa è l’esasperazione nei confronti di una situazione o di una persona. Il luogo in cui si manifestano è a sua volte rivelatore:

  • Alla testa può riguardare la preoccupazione per non riuscire a formulare o rielaborare ciò che mi passa per la testa
  • Sulle braccia può riguardare l’impazienza in ciò che si fa o il ritmo al quale si svolgono le cose che ho da fare
  • Ai glutei, la fretta di alzarsi per fare altre cose
  • Alle gambe può riferirsi all’impressione che le cose non vadano abbastanza in fretta

Questi sono solo alcune nozioni di base sulle cause emotive che intervengo in questi disturbi. Ovvio che ce ne sono altri e che anche le problematiche della pelle sono molte di più.Magari nei prossimi articoli ne prendiamo qualcuna a campione e la esaminiamo più approfonditamente..

E’ difficile poter consigliare un rimedio vibrazionale specifico, in questi casi sono miscele di essenze che spaziano nel vissuto emotivo della persona interessata, e sono strettamente personali, perché non si tratta solo di analizzare la situazione, ma anche di capire come è stata vissuta e se quella specifica emozione era oggettivamente sostenuta dall’azione o solo percepita tale dal diretto interessato.

La pelle non è organo di compromesso. Ti mostra le cose, e non ti permette di non vederle , te le lascia lì in bella mostra. Lei è paziente, sa che prima o poi quel messaggio sarà codificato in nome della guarigione e della crescita personale.

La consapevolezza è la chiave per superare ogni ostacolo, l’amore per se stessi l’unica medicina .

Maruska Cappelletti

About Redazione

Prova anche

UN ANNO VISSUTO PERICOLOSAMENTE – PARTE TERZA

UN ANNO VISSUTO PERICOLOSAMENTE – PARTE TERZA   Breve storia della Comunità Papa Giovanni XXIII …