mercoledì , Luglio 24 2024

Il Miglio… non solo per canarini, anzi

Qui in Europa, il miglio è utilizzato principalmente come alimento per pollame e per uccelli da gabbia, come, appunto, i canarini. Ma conosciamo più approfonditamente questo fantastico cereale, dalle tante salutari proprietà, riscoperte in questi anni, soprattutto proprio per noi umani! Il miglio è un cereale molto antico originario dell’Asia Centro Orientale, coltivato già dagli antichi egizi.
Per composizione è simile al frumento, ma a differenza di questo è privo di glutine, quindi ottimo alimento per i celiaci. Le proteine presenti sono particolarmente assimilabili e più complete di quelle presenti nel frumento, nel grano saraceno e nel riso, anche se, non apportando tutti gli amminoacidi essenziali, va sempre abbinato ai legumi. Minuscolo e dorato, il suo chicco è ricco di amido, ma anche di minerali importanti come il ferro, il fosforo, il magnesio, il fluoro ed il silicio. Quest’ultimo, in particolare, si rivela prezioso per le unghie, i capelli, la pelle, lo smalto dei denti. E’ inoltre ricco di vitamine A del gruppo e B. Assolutamente indicato per le donne in gravidanza (gli viene attribuita la proprietà di combattere gli aborti) per l’efficacia nel ridurre l’acidità di stomaco: di facile digestione, è l’unico cereale con proprietà alcalinizzanti. Consigliato durante tutta l’infanzia, il miglio è un ottimo ricostituente ed energizzante naturale, utile in caso di stress, stanchezza, convalescenza. Il suo sapore dolce lo rende molto gradevole ed è di facile preparazione Può essere consumato nella forma che più aggrada (fiocchi, chicchi, farina), senza bisogno di ammollo.
Utile a chi non vuole, o per dieta o per patologia, rinunciare a piatti dove servono uova, poiché essendo ricco in amido è un ottimo addensante e lo si può utilizzare per preparare polpette, crocchette, etc. Ed ecco qua una deliziosa ricetta del nostro VeganChef Mirco Mazzotti.

POLPETTINE DI MIGLIO SU LETTO DI VELLUTATA DI CAVOLO NERO

Ingredienti:

200 gr di miglio decorticato

300 gr di cavolo nero 1 cipolla

200 gr di carote
200 gr di patate

Rosmarino

Aglio sale olio pepe

PROCEDIMENTO: Lavare il miglio con acqua fresca. Mettere il miglio in una casseruola, aggiungere una quantità doppia di acqua fredda. Una volta raggiunto il bollore coprire il recipiente e portare a cottura a fiamma bassa in 20 minuti. A fine cottura tutto il liquido sarà stato assorbito. Intanto si possono lessare le patate. Una volta cotte passarle in padella con la cipolla, le carote Spegnere la fiamma e lasciare coperto per 10 minuti. intanto, passare in padella la cipolla le carote e
Lessate il miglio con un quantitativo di acqua doppio del suo volume. Salate leggermente e, circa quando inizia a bollire, mettete al minimo la fiamma e lasciate che assorba tutta l’acqua, per 20 min. Dopodiché spegnete la fiamma e lo lasciate raffreddare. Intanto che si cuoce il miglio saltate in padella le carote con mezza cipolla e il rosmarino. A fine cottura aggiungete il tutto al miglio e amalgamate. Ecco pronto l’impasto per fare delle palline da 3-4 cm di diametro, che passerete in forno a 180° per 10 minuti. Cuocete il cavolo nero in acqua bollente per 5 min. e scolatelo. In un tegame mettete la ½ cipolla con le patate tagliate a dadini e sale e olio . Quando le patate saranno cotte versatele con il cavolo nero in un frullatore e mescolate il tutto. Versate la vellutata in una fondina da minestra e ponete sopra tre palline di miglio un filo di olio e pepe macinato . Et Voilà!

About Redazione

Prova anche

Quinto appuntamento per il Caffè letterario del Titano

Quinto appuntamento per il Caffè letterario del Titano   Venerdì 26 maggio alle ore 18.30 …