venerdì , Luglio 19 2024

A Rimini riparte la stagione del cineteatro di San Giuliano

Norma: Casta Diva, Casto Tiberio. Riparte la stagione del cineteatro di San Giuliano di Rimini

tiberio-5

Lunedì 26 settembre 2016 è una data attesa a lungo dagli appassionati dell’opera: alla Royal Opera House di Londra va in scena la Norma di Vincenzo Bellini. Due atti appassionanti, diretti da Antonio Pappano con direzione artistica di Alex Ollé, in prima mondiale. I biglietti, neanche a dirlo, sono andati a ruba. E chi non li ha, invece di disperarsi o ‘attaccarsi al tram’, può…accomodarsi al cinema. Non uno qualsiasi, anche se il circuito cinematografico che trasmette spettacoli dal vivo in diretta è ricco di diversi schermi in Italia e nel mondo. Noi preferiamo il Cinema Teatro Tiberio. Che, come riporta il www.cinematiberio.it, è il ‘cinema multieventi nel cuore di Rimini’. Nel bellissimo borgo di San Giuliano, dal chiostro accanto alla chiesa omonima, si accede all’interno della sala dove Paolo Pagliarani – il maggiore esperto di cinema del nostro territorio e, probabilmente, non solo del nostro territorio – da diversi anni allestisce un programma straordinario che comprende opera, balletto, cinema per ragazzi, cinema d’essai, teatro. Una sala da 170 posti con sistema di proiezione digitale in alta definizione Sony 4K corredato dal nuovo impianto audio Dolby Digital 7.1. Il Cinema Tiberio è inoltre sala della comunità affiliata all’ACEC – Associazione Cattolica Esercenti Cinema ed è socio della FICE – Federazione Italiana Cinema d’Essai.

Cinema Teatro Tiberio: spulciando il programma di sala 2016-2017

cinema Tiberio

Il programma, da poco pubblicato sul sito Internet del Cinema Teatro Tiberio, è ricchissimo, come sempre, di eventi da non perdere. E per chi non ha la possibilità di volare a Londra o Parigi o New Yoirk o Barcellona per vedere dal vivo spettacoli straordinari, diventa impagabile accomodarsi al cinema  ed immergersi nell’evento. Invitiamo a consultare il programma online: noi citiamo solo alcune tappe di questo anno che si annuncia, culturalmente, imperdibile ed ‘elettrico’. Un’occasione per crescere anche culturalmente, allargando i propri orizzonti.

Si cominicia con “Norma”, naturalmente, lunedì 26 gennaio 2016 alle 21.15: la prima delle opere liriche in rassegna al Cinema Tiberio. Ricordiamo anche “Macbeth” (20 ottobre 2016; 19.45) in diretta dal Gran Teatre del Liceu di Barcellona, “Romeo e Giulietta” (24 gennaio 2017) in nearlive dal MET di New York; e “Cenerentola” in diretta dall’Opera di Parigi (20 giugno 2017). Tutte le proiezioni sono in lingua originale con sottotitoli in italiano. Per quanto concerne il ‘Balletto al Cinema’, si comincia il 4 ottobre con “Le Clair Ruisseau” del Bolshoi per proseguire con “Anastasia” (2 novembre ore 20.15, Royal Ballet Live) e con il “Sogno di una notte di mezza estate” (23 marzo 2017, Balletto Opera di Parigi). La rassegna ‘La Grande Arte al Cinema’ (doppia proiezione ore 17.00 e 21.00) prende il via il 9 novembre 2016 con “Botticelli, inferno”; importante il 14 dicembre 2016 “l curioso mondo di Hieronymus Bosch”. Per il ciclo ‘Junior Cinema’ si prende il via il 9 ottobre con “La canzone del mare”, di Thom Moore, film selezionato per la Festa del Cinema Europeo 2016. Il programma del cinema d’essai che è raccolto nella rassegna Notorius Cineclub, al momento in cui scriviamo, non è ancora disponibile: lo sarà a breve. Per il ‘Teatro dal Vivo’, infine, è dato solo di sapere che protagonista assoluto sarà Kenneth Branagh, con tre spettacoli eccezionali in diretta da Londra.

Paolo Pagliarani, con i suoi collaboratori, è anche l’ideatore e promotore de ‘La Vela Illuminata’, un tour estivo durante il quale alcuni film della stagione vengono proposti all’aperto nelle piazze di tanti comuni diversi del nostro territorio. Gli abbiamo chiesto di tracciare un bilancio sull’edizione 2016: ed è diventata l’occasione per parlare di cinema a tutto tondo.

Pagliarani, quando nasce ‘La Vela Illuminata’?

‘La Vela Illuminata’ è un progetto creato dall’Arboreto di Mondaino nel 2004; dal 2013 è affidata a Notorius Rimini Cineclub. Fino allo scorso anno era finanziata da Provincia e Regione Emilia Romagna, quest’anno interamente da Regione. In un paio di edizioni alcuni Comuni hanno sostenuto anche serate aggiuntive, quando c’erano fondi disponibili. Nel 2012 la rassegna non si è fatta per mancanza di finanziamento.

tiberio-7

Come è andata l’edizione 2016?

La rassegna di quest’anno ha avuto un ottimo riscontro: in diversi comuni i posti a sedere disponibili sono andati esauriti e il gradimento generale è stato più che positivo. Una curiosità: la rassegna vede la partecipazione in ogni serata di molto pubblico esterno, cioè non residente nel comune dove si effettua la proiezione; e ci sono spettatori che hanno seguito quasi o anche tutte le tappe proposte. Solo un paio di serate sono state fatte al chiuso (Saludecio e San Giovanni in Marignano) per condizioni meteo non ottimali.

Il cinema all’aperto: una tipologia di proposta culturale che ‘tiene’ rispetto alle altre offerte spettacolari?

cinema tiberioDiciamo che nel nostro territorio, per caratteristiche climatiche che invogliano a questo tipo di proposta, la proiezione all’aperto suscita sempre molto interesse, in più ‘La Vela’ si sposa efficacemente con la suggestione di molti dei luoghi che ospitano la proiezione.

I titoli più belli tra quelli che ha proiettato nel 2016?

Sempre difficile scegliere: ma sono stato orgoglioso della risposta (numerica e di godimento) dei due film di Jacques Tati, una scommessa vinta soprattutto a Casteldelci. Una bella serata, emotivamente coinvolgente, è stata quella a San Clemente con il film “Mustang”.

Spazi del cinema: dall’avamposto del Cinema Teatro Tiberio resiste allo strapotere dei multiplex. Qual è la ricetta vincente?

Il piacere di condividere serate insieme con film ed altri eventi, la scelta della multiprogrammazione e della qualità ci ha premiato: in più gran parte del pubblico che frequenta il Tiberio non è propenso per la visione in multisala e preferisce ancora la dimensione ‘in piccolo’.

tiberio-8

Come ovviate quando durante una serata interviene molta gente e non potete farla entrare?

Risolviamo cercando di replicare le proiezioni quando è possibile (nel caso dei film, ad esempio quest’anno ci è successo con “Dio esiste e vive a Bruxelles” e “Il sentiero della  felicità” dove abbiamo aggiunto varie proiezioni in diverse giornate. Non ci è stato invece possibile replicare “Lo chiamavano Jeeg Robot” in quanto era presente lo sceneggiatore e non avrebbe avuto senso fare un’altra serata senza di lui). Ma solitamente riusciamo ad accontentare più o meno tutti.

 Durante lo scorso agosto si è tenuta una nuova edizione di “Cinepicnic” nell’invaso del Ponte di Tiberio, quattro serate ‘autofinanziate’ da food & beverage: la formula ha funzionato? E come si inserisce il volontariato in questo particolare progetto?

Direi che è andata molto bene anche quest’anno: c’è stata la risposta necessaria – soprattutto l’ultima sera in occasione della proiezione del film di animazione “Zootropolis” – per finanziare i costi dell’iniziativa. I volontari sono divisi tra quelli di “Rimini per tutti”, intervenuti nelle prime due serate, i ragazzi del gruppo scout e vari borghigiani di San Giuliano, che si sono adoperati per la riuscita di una manifestazione che si è rivelata vincente anche quest’anno.

Cric

About Redazione

Prova anche

UN ANNO VISSUTO PERICOLOSAMENTE QUARTA PARTE

UN ANNO VISSUTO PERICOLOSAMENTE QUARTA PARTE di Luca Giacobbi In questo caso l’anno vissuto pericolosamente …