mercoledì , novembre 13 2019
Home / News / Costume e Scostumati / Fashion, what else / Regalati qualche ora di cultura: Offro io! Grazie Cucinelli.

Regalati qualche ora di cultura: Offro io! Grazie Cucinelli.

Ebbene si, la cultura e il tempo libero legati alla crescita personale per alcuni ha ancora una grande importanza.
D’altronde siamo nell’epoca della cura di se stessi, del proprio io, della propria persona e del proprio aspetto.
La cultura non è mica uno scherzo!!!!
E un soggetto acculturato, curioso, interessato e pieno di interessi per un’azienda è sicuramente un valore aggiunto.
Pertanto prendiamo un imprenditore, un’azienda di grande livello e un’iniziativa strepitosa!
Cosa centra tutto questo con il fashion?
Centra un bel po’, perché il protagonista si chiama Brunello Cucinelli.

Brunello Cucinelli è una casa di moda italiana fondata nel 1978, dall’omonimo imprenditore, nota per la produzione di maglieria pregiata in cashmere, nata e sviluppatasi nel borgo medioevale di Solomeo. L’azienda è oggi tra le principali realtà internazionali attive nel settore del lusso, avendo sviluppato collezioni femminili e maschili di total look, e potendo contare su una rete di boutique di proprietà in tutti i continenti.
La S.p.a. vanta un gruppo di 1500 dipendenti, 3500 collaboratori esterni e fattura circa 280 milioni di €.
Wow!!! Una perla del Made in Italy possiamo dire.
All’interno dell’azienda non si timbra il cartellino, l’orario di lavoro è dalle 8 alle 17:30,con un importante pausa pranzo e non si può lavorare oltre l’orario stabilito.

L’ultima iniziativa che coinvolge lui e la sua azienda consiste in un dono ai suoi dipendenti.

Brunello Cucinelli, ha promosso infatti, il bonus cultura alla vigilia della Pasqua 2016, convocando i collaboratori e facendo l’annuncio: “Da oggi le spese per libri, cinema, teatro e gite al museo verranno interamente rimborsate dall’azienda. Il benefit prevede un fondo di 500 euro per i single e 1000 euro per chi ha famiglia. Per usufruirne basterà portare in azienda lo scontrino e tutte le spese. Le attività culturali verranno rimborsate”.
Il re del cashmere interpreta un cambio di mentalità. Anche i lavoratori oggi tendono a preferire tempo, cultura e flessibilità a soldi e carriera.
Bello.
Niente rumors e poca pubblicità.

Cucinelli, è conosciuto per le riconoscenze, nei confronti del suo gruppo di lavoro.
Nel 2012 ad esempio, regalò ai dipendenti una parte di utile aziendale, per il quale ogni individuo del gruppo di lavoro vide accreditarsi all’incirca 6 mila euro extra.
L’intenzione era semplicemente un “Grazie”.
Si, perché Brunello lo sa bene che l’importanza dell’azienda è strettamente connessa alla salute e alla felicità di chi ne fa parte.
Guardare insieme nella stessa direzione, con il desiderio di fare qualcosa di bello e importante per il bene di tutti.
Con la serenità e la consapevolezza che lo sforzo e l’impegno vengono premiati.
Da ex imprenditrice ed oggi lavoratrice dipendente, mi sento di dire che troppo spesso nel mondo del lavoro non si comprende a fondo quale sia il vantaggio di avere una squadra di collaboratori affiatata e capace di guardare nella direzione giusta con motivazione.
E’ scontato quanto fondamentale comprendere che la soddisfazione lavorativa, dell’individuo, passa inevitabilmente attraverso la soddisfazione economica.
Questo a mio avviso per 2 motivi, molto semplici.

1- Chi lavora, gode nell’essere ricompensato degli sforzi fatti e nel vedere che ciò che produce porta un valore.
Se prova ciò non deluderà il gruppo di lavoro.
È sempre corretto valorizzare ogni cosa che si fa.

2- Il denaro ci permette di fare ciò che vogliamo, ciò che ci appaga e ci fa stare bene.

Fare leva su questi valori è importante per un’azienda, soprattutto nei momenti di crisi.
Far sentire importanti le persone che collaborano con te, aiuta a tenerle al tuo fianco.
Oggi tutto passa attraverso la persona.
L’individuo nel suo essere e le caratteristiche che esso porta con sé, sono la chiave del cambiamento.

Il bonus cultura, in questo caso, contribuisce anche a incentivare la riscoperta dell’immenso patrimonio culturale e artistico italiano» e contribuisce all’evoluzione dell’artigiano: «perché la creatività è dove c’è bellezza».
Cultura e viaggi più apprezzati di soldi e carriera.
Quanto è importante il tempo libero e l’uso che si fa di esso, per l’individuo?
Ancora una volta Brunello Cucinelli si fa paladino in Italia di un cambio di mentalità nel rapporto di lavoro, dove gli incentivi non sono più soltanto quelli economici, considerati in base alla produttività, ma anche quelli legati alla crescita personale e culturale del lavoratori.

L’apertura sul sito web aziendale, della sezione “filosofia” , intesa come filo conduttore dell’azienda, recita un pensiero di Socrate:

“L’amore per la conoscenza riecheggia nei nostri cuori e nutre la grandezza dei pensieri”.

cucinelli img

(immagine presa dal sito web: www.brunellocucinelli.com)

Guarda caso, si parla di una persona che viene da umili origini famigliare e che racconta spesso romantici aneddoti sui saggi insegnamenti derivanti dalle stesse.

Cos’altro aggiungere?

Mi entusiasma, che proprio dal fashion system, un mondo visto come immerso negli sfarzi e nei lussi, arrivi una vocina con grande forza, che racconta una splendida storia di sana imprenditoria, di un favoloso made in Italy e di un autentico sapore Italiano che ogni tanto dimentichiamo.
Poi cosa dire… da fashion victim,che i capi di Cucinelli siano meravigliosi non è necessario puntualizzarlo direi!?

Giulia Castellani

About Giulia Castellani

Prova anche

Autoritratto: “Io e i miei colori” di Iolanda Morante

Iolanda Morante ha partecipato al concorso organizzato dalla Carlo Biagioli srl  a tema “Autoritratto” con ...