domenica , Maggio 26 2024

“U SCURTADUR” : ricordo di Padre Marcellino sacerdote dell’Ordine dei Carmelitani Scalzi

U SCURTADUR (Ricordo di Padre Marcellino sacerdote dell’Ordine dei Carmelitani Scalzi)

di Checco Guidi

 

Marcellino, quei ch’i t’ha cnusù i dis

che t’è ciap u scurtadur pri e’Paradis;

mo el tu scurtadur l’è quel ‘d “Rosati”,

pri arvè prima pusébli tra i “Beati”.

 

L’è un mòdi ad dì dla nòsta tradiziòun,

ch’el giva che “Rosati”, che minciòun,

quand pri fè prima, i scurtadur e fèva

tot al vòlti al strèdi lu u slunghéva!

 

Te in Africa t cì arvàt adiritura,

e t’è capè da fè la strèda dura;

t’è abracé misiria e povertà

pri dè m’i derelét la dignità!

 

E tut ci fàt leòun s la su fierèza,

e antilope spusànd la su mitèza;

e giràfa pri quardè luntèn

e furmiga pri pansè m’el dmèn.

 

Elefènt pri fèt fort e decis,

e tot tè cunquistè s’el tu suris;

in tint j’ha cridù t’el tu prugét

e i s’è fàt in quatri pri aiutèt!

 

E sòld e materiél e competénza,

pri rènda mènca amèra l’esisténza

tla tu tèra ad misiòun…l’Africa amèda

duvè che t’è conclus la tu “giurnèda”!

 

E quand t ci arvàt in fànd m’u “scurtadur”,

t cì stè acòlt in cél sa tot i’unur,

u n’è stè vèn l’impègn e tla tu “bènca”

u “lun” l’è sempra aciois e “l’ogli” un mènca!

 

 

 

 

____________________________________________________________________

 

 

Marcellino, quelli che ti hanno conosciuto dicono

che hai preso la scorciatoia per il Paradiso;

ma la tua scorciatoia è quella di “Rosati”,

per arrivare prima possibile tra i “Beati”.

 

È un modo di dire della nostra tradizione,

che diceva che “Rosati”, quell’ingenuo,

quando faceva le scorciatoie per fare prima

tutte le volte allungava il percorso!

 

Tu sei arrivato addirittura in Africa,

ed hai scelto di fare la strada difficile;

hai abbracciato miseria e povertà

per dare ai più sfortunati la dignità!

 

E ti sei fatto leone con la sua fierezza,

e antilope sposando la sua mitezza;

e giraffa per guardare lontano

e formica per pensare al domani.

 

Elefante per farti forte e deciso,

e tutti hai conquistato con il tuo sorriso;

in tanti hanno creduto nel tuo progetto

e si sono fatti in quattro per aiutarti!

 

E soldi e materiale e competenza,

per rendere meno amara l’esistenza

nella tua terra di missione…l’Africa amata

dove hai concluso la tua “giornata”!

 

E quando sei arrivato in fondo alla “scorciatoia”,

sei stato accolto in cielo con tutti gli onori,

non è stato vano l’impegno e nella tua “banca”

il “lume” è sempre acceso e “l’olio” non manca!

 

Checco Guidi (21 aprile 2024)

About Redazione

Prova anche

“CONSIDERAZIONI SEMISERIE SULLA MIA DEMENZA SENILE” di Renata Rusca Zargar

CONSIDERAZIONI SEMISERIE SULLA MIA DEMENZA SENILE Una stimata famiglia di negazionisti   Provengo da una …