sabato , Maggio 25 2024

Quelle famose aspettative

Lasciare andare le aspettative è un’arte che risolve tanti problemi.
Vi è mai capitato di comunicare una notizia per voi importante a qualcuno e dall’altra parte trovare un interlocutore con poco tatto e anche un po’ fastidioso?
Vi è successo di aspettare di ricevere gli auguri da un/a amico/a che magari si è dimenticato?
Vi è mai capitato di sentirvi dire un bel NO quando eravate convinti che sarebbe stato sicuramente un SI?
Queste sono le famose aspettative….
E’ importante non aspettarsi certe risposte o comportamenti dalle persone o dalla vita stessa perché vorrebbe dire che il nostro star bene (felicità, gratificazione, amore per noi stessi, apprezzamento, approvazione) dipendono da qualcosa di esterno a noi sul quale non abbiamo il controllo.
Si tratterebbe di uno “star bene” condizionato!
E se l’aspettativa non viene soddisfatta, come ci sentiamo?
Come ci comportiamo?
Quali sono i nostri pensieri?
Iniziando a pensare che siamo noi gli unici responsabili della nostra vita, che siamo noi che decidiamo cosa pensare, cosa provare, cosa dire e cosa fare a proposito delle situazioni della vita, possiamo allenarci a diventare abili a rispondere al meglio agli eventi.
Quello che gli altri pensano, provano, dicono e fanno è loro responsabilità, sono le loro risposte alle situazioni sulla base del loro modo di pensare.
Ognuno di noi si muove nella vita con la propria “mappa” che racchiude tutte le credenze, convinzioni, pensieri, idee e le esperienze che vivrà saranno sulla base di ciò che è contenuto nella mappa stessa.
Per questo è importante evitare di aspettarsi che gli altri, i loro comportamenti, le loro risposte o gli eventi stessi siano come vogliamo noi, perché se poi non è così inciampare nella tristezza, delusione e vittimismo è veramente facile.
Tutto ciò non significa che dobbiamo vivere allo sbaraglio accontentandoci di tutto ciò che arriva nella nostra vita, ma vuol dire essere coscienti di ciò che accade, viverlo consapevolmente, cercare di cogliere gli insegnamenti che ogni persona o un evento racchiude e vivere il tutto senza personalizzare!
E’ necessario costruire solide basi di autostima (riconoscere il valore che ognuno ha di se stesso) e una buona consapevolezza dei confini della propria responsabilità, ovvero sapere bene dove finisce la nostra responsabilità e dove inizia quella degli altri.
Sono due ottimi strumenti che costituiscono la base del miglioramento personale.
Sapere di averli e saper usarli di fronte a situazioni che hanno preso una piega diversa da come avevamo immaginato ci permette di intervenire con il giusto distacco.
E questa secondo me è la vera Libertà…siamo liberi di scegliere il modo in cui vogliamo rispondere alle situazioni in qualsiasi momento.
Abbiamo bisogno di interiorizzare il concetto che niente e nessuno ha potere su di noi a meno che non siamo noi a concedere ad altri questo nostro diritto.

Romina Angeli

About Redazione

Prova anche

“CONSIDERAZIONI SEMISERIE SULLA MIA DEMENZA SENILE” di Renata Rusca Zargar

CONSIDERAZIONI SEMISERIE SULLA MIA DEMENZA SENILE Una stimata famiglia di negazionisti   Provengo da una …