martedì , Maggio 21 2024

Istinti

C’è una parte di noi che è strettamente legata al nostro essere “animali” a due zampe, ed è l’istinto. Non è mediato, parla direttamente dei nostri bisogni, di quello che risuona dentro di noi a volte in maniera assordante, che si aggancia senza mezzi termini al nostro essere più libero e selvaggio. Non significa esseri cani sciolti in preda al delirio, anzi, ma individui in ascolto di quella parte di noi non influenzata da niente se non dal sentire più vero e profondo.

L’istinto parla il linguaggio del desiderio, del bisogno, della sopravvivenza. E’ la nostra parte primitiva, carnale, più semplice a volte della parte razionale, ma non sempre gestibile .L’istinto è come il pilota automatico che ci guida nelle scelte della vita, ma a volte va in avaria. E sapete quando? Quando incontra le passioni.

Per quanto una passione possa ravvivare i colori della nostra tela, spesso e volentieri crea un cortocircuito dentro al nostro sistema, e mentre la razionalità cerca di gestire il tutto per sfruttare la meglio la situazione carpendo il buono che può emergere da situazioni fortemente sentite, l’istinto si fa travolgere nella maniera più sconveniente e a volte pericolosa. Certo, un istinto sano riesce a sentire l’odore del pericolo quando lo incontra, ma a volte non riesce a fare un passo indietro, perché l’adrenalina che scaturisce da quell’incontro è come una droga di cui non può e non vuole fare a meno.

Una persona dotata di un buon equilibro fra istinto e razionalità saprà sfruttare il meglio di ogni situazione, valutando le intuizioni, sentendo cosa provocano dentro di lei e agendo in base a ciò che reputa meglio per sé, tenendo conto di tutte le variabili.

Una persona in cui l’istinto prevarica sulla ragione e spesso sul buon senso imbavaglierà la razionalità e seguirà gli istinti più bassi e terreni, che non tengono conto delle conseguenze di certe azioni ma puntano alla soddisfazione immediata di un desiderio o di un bisogno. A volte è la scelta giusta, quando cogliere l’attimo può fare la differenza, altre volte invece è come lanciarsi nel vuoto convinti di aver indossato il paracadute e invece abbiamo preso lo zaino con la merenda. Il risultato è uno schianto da cui spesso non c’è ritorno.

L’ istinto ci spinge verso ciò che nell’immediato può darci soddisfazione o che risponde al momento a ciò che sentiamo più giusto per noi, mentre la ragione valuta tutti gli aspetti a 360 gradi facendo una previsione a lungo termine. Se una cosa la vogliamo subito perché brucia dentro di noi come il legno nel camino, perché buttarci sopra dell’acqua per evitare che si consumi troppo in fretta? Se il suo tempo fosse quello? E se invece fosse necessario controllare quel fuoco per evitare che diventi un incendio e bruci tutti prima del tempo?

Non c’è secondo me un libretto delle istruzioni per sapere cosa è giusto fare. Ognuno ha la sua indole e il suo vissuto, e un sistema di valutazione interna, detto anche coscienza, che elabora i dati e fa una previsione di successo o fallimento.

Ma indipendentemente da ciò che sceglieremo e dal risultato, sarà comunque la scelta migliore che potevamo fare e quella più giusta per insegnarci una lezione . Può sembrare semplicistico detto così, ma è la verità.

Come esseri umani siamo dotati di razionalità e intelligenza, ma come membri del regno animale abbiamo istinti che non sono spiegabili e spesso nemmeno controllabili, che a volte ci salvano e a volte ci condannano, in ogni caso ci insegnano qualcosa.

E allora viviamo d’istinti conditi da ragionamenti, piuttosto che distinti e separati dalla parte di noi forse più pericolosa e non addomesticabile ma sicuramente più vera e spesso divertente.

Maruska Cappelletti

About Redazione

Prova anche

“CONSIDERAZIONI SEMISERIE SULLA MIA DEMENZA SENILE” di Renata Rusca Zargar

CONSIDERAZIONI SEMISERIE SULLA MIA DEMENZA SENILE Una stimata famiglia di negazionisti   Provengo da una …