domenica , Maggio 26 2024

In sala “Confidenza” con Elio Germano

 

Film “Confidenza” (con Elio Germano)

 

Tutto ruota intorno a un segreto, quello che si scambiano i due protagonisti “dimmi la cosa più brutta che hai fatto, quella che non hai mai detto a nessuno”.

Lo chiede lei a lui dopo un litigio, animata dal desiderio di stringere un rapporto più intimo, un vero patto di sangue che si rivela però un’arma a doppio taglio perché lei rimane sconvolta e sconcertata dalla rivelazione, ignota allo spettatore, tanto che i due si lasciano “senza però lasciarsi mai veramente”, uniti dal legame ma anche da quella verità che pesa a lei e spaventa lui sino alla fine.

Pietro è terrorizzato dall’essere visto per ciò che è nella realtà, non importa se la sua interiore o quella oggettiva del suo prossimo, teme di perdere la stima che è il valore intorno a cui ha costruito la sua esistenza di insegnante e consulente del Ministero, lei, Teresa, è invece laureata in Matematica, avvezza a interpretare il mondo attraverso teoremi non si riesce mai a sganciare dal ricordo di questo amore giovanile e dai suoi corollari (il segreto).

Cosa accade se tutti scoprono chi siamo?

Cosa accade a noi se siamo visti in una dimensione di vergogna?

La domanda intorno a cui gira tutto il film, una narrazione interattiva, emotivamente avvincente, una vera esperienza emozionale, ci gonfiamo come palloncini per tutti i 136 minuti di proiezione, giochiamo un ruolo attivo: analizzare Pietro ogni gesto parola e espressione alla luce di ciò che sappiamo “ha un segreto”.

Dimmi il tuo segreto: se lo chiedono spesso nei loro giochi i bambini per stringere un patto di fratellanza e fiducia.

Un valore aggiunto o un pugnale da adulti?

È importante rivelare un segreto a qualcuno perché così ci si toglie il peso e si ha la possibilità di avere un altro punto di vista?

Io ho capito una cosa: è una domanda che non farò mai, a nessuno, per due ragioni: desidero non essere io a mettere in discussione quei rapporti che mi nutrono nel profondo, ho fiducia che le persone per me più importanti non abbiano segreti così terribili di cui vergognarsi.

E poi in fondo…i segreti appesantiscono soprattutto chi li riceve, non voglio diventare testimonianza tangibile della “cattiva coscienza” di nessuno.

Anna Chiara Macina

About Redazione

Prova anche

Presentazione libro “Dal mio punto di vista” di Paolo Boccia

Presentazione libro “Dal mio punto di vista” di Paolo Boccia Sabato 18 maggio alle ore …