mercoledì , settembre 18 2019
Home / In Evidenza / Torna la commedia di Sant’Agata: “L’eredità” del Piccolo Teatro Arnaldo Martelli

Torna la commedia di Sant’Agata: “L’eredità” del Piccolo Teatro Arnaldo Martelli

Risate in vernacolo sammarinese

SAN MARINO. Tradizionale appuntamento con la commedia dialettale di Sant’Agata e con la compagnia “Piccolo Teatro Arnaldo Martelli” in scena con “L’eredità“, martedì 5 febbraio al Teatro Titano alle ore 21. La pièce teatrale, che prevede la partecipazione di ben 16 attori (vecchie glorie, qualche ritorno e nuovi giovani attori), non mancherà di coinvolgere e divertire il pubblico.

Trama

La commedia tratta di una eredità capitata ad una famiglia molto povera, che potrebbe ovviamente cambiargli la vita. L’eredità consiste però in qualcosa di particolare che turba non poco le coscienze dei protagonisti della vicenda. Così, in mezzo a personaggi come il nonno smemorato che ha sempre fame; la sorella in perenne cerca di un marito; un cugino con la nomea di “menagramo”; avvocati senza scrupoli, preti, parrocchiani, vicine di casa invadenti; moglie, marito e i due figli si dibattono tra il dilemma di rimanere poveri e tranquilli, oppure divenire ricchi, ma….. Alla fine, dopo molte peripezie e situazioni assai divertenti, il fato trova per tutti, o quasi, una via di uscita.

Biglietti

I biglietti saranno in vendita presso l’Edicola “Quadrifoglio” – Via piana Città – a partire da venerdì 1° febbraio e il giorno dello spettacolo dalle ore 16 presso il Botteghino del Teatro Titano.

Il costo del biglietto intero è di 15 euro per poltrone e Palchi – Ridotti 12 euro (Pensionati, Bambini e Amici del Teatro) – Loggione 10 euro.

Repliche

Verrà replicata venerdì 8 febbraio presso il Teatro Titano; sabato 16 febbraio presso la Sala Polivalente Auditorium Little Tony di Serravalle; giovedì 21 febbraio presso il Teatro Nuovo di Dogana.  

Commedia Sant'Agata

About Michele Marino Macina

Prova anche

Ricordandoti

Ricordandoti   Le mani esili, grigie, delicate come foglie secche cadute in una giornata d’autunno ...