mercoledì , giugno 3 2020
Home / In Evidenza / Manuale dell'(im)perfetto ciclista…come coniugare matrimonio e bicicletta

Manuale dell'(im)perfetto ciclista…come coniugare matrimonio e bicicletta

In tempo di lockdown la voglia di condivisione ha dato vita ad un appuntamento sul balcone con il vicinato. Tutti affacciati alle ore 18.

Oggi la stessa voglia di  condivisione ha allargato il suo orizzonte fino a pensare 《Sarebbe meraviglioso avere come vicina di casa Chiara 

L’intenzione è quella di render il tempo più leggero, questa sera di strappare un sorriso alla lettura di un manoscritto di mio marito, Andrea Vannucci e delle sue eroiche imprese domestiche per la conquista  dell’ uscita in bicicletta !

Questo è un piccolo estratto del secondo capitolo…affacciatevi virtualmente al balcone…e sorridete insieme a noi!

Vale

Di Andrea Vannucci

*Manuale dell’imperfetto ciclista …come coniugare matrimonio e bicicletta.*

l’idea di questo manuale nasce il 31 dicembre 2010…

…. vi chiederete il perché di perdere tempo a scrivere un manuale….

 …il motivo che spinge un uomo a diventare il ciclista della domenica e a salire in bici ….è riconducibile al masochismo di noi uomini…

…. dal capitolo 2….

Potevo in questo manuale non dedicare qualche riga al rapporto bicicletta moglie? Ovviamente no! Anche se devo dire la verità :ancora non mi è chiara una cosa, ovvero il perché la moglie veda la bici come una rivale, una nemica, neanche fosse un amante!

 Eppure questa è la triste realtà. Non è capitato anche a voi che vostra moglie vi chieda:  “Domani mattina esci con lei?” ( la bici)  “Dove andate?”,  “Chi c’è?” , ” Sei da solo con lei o viene qualcun’altro?”… e se le dico “Viene Ugo con me” lei subito ribatte “Ah un’uscita in quattro” .Così va a finire che faremo come Fantozzi : per prendere lezioni di biliardo alla sera fingeva di avere l’amante per essere lasciato in pace dalla moglie! Tornando ad essere seri Qual è il dilemma che ci attanaglia per tutta la settimana? Naturalmente è : pedalare o non pedalare nel prossimo weekend?

La risposta non dipende solo dalla nostra voglia e dalle condizioni meteo .Cioè, mi spiego meglio, a dir la verità sì, dipende dalle condizioni dell’aria di casa :sereno o burrasca?

Per una volta nella vita siamo noi che possiamo influenzare il meteo , ma attenzione , solo quello familiare.

Per fare in modo che al venerdì sera ci sia il sereno e regni la tranquillità in maniera tale da ottenere il lasciapassare per l’uscita in bici vi do alcuni consigli su cosa fare durante la settimana :

lunedì: alla sera occuparsi della cena e adagiarsi in compagnia della moglie senza passare sul divano a guardare un film romantico tipo Pretty Woman and love story ;

martedì : al ritorno dal lavoro spesa al supermercato senza fare e proferir parola;

mercoledì :  spolverare casa, attenzione badate bene :non spostare la polvere ma raccoglierla, poi possibilmente evitare le partite di Champions League e di instaurare una piacevole conversazione sui saldi o sulle nuove collezioni moda; -giovedì :occorre dare di più il fine settimana si sta avvicinando, meglio preparare la cena  sparecchiare e lavare i piatti; -venerdì : domani forse si pedala… la cena fuori sarebbe l’asso nella manica! – sabato : se siete fortunati andate in bici altrimenti se durante la settimana non avete fatto il “vostro dovere” di tocca di nuovo il supermercato o il centro commerciale.

 Ma poi, alla fine,  di riffa o di raffa , riusciamo a conquistare la nostra uscita settimanale e finalmente si parte. Ritrovo del gruppo, partenza, riscaldamento in pianura e poi si inizia a pedalare in salita. Naturalmente nel punto più ripido squilla il cellulare.

 Chi sarà? Cosa sarà mai successo? E puntuale come un orologio svizzero è la moglie che ti chiama!

Moglie: “Sei in bici ?”

Marito : “e dove vuoi che sia a fare shopping?”

Moglie : ” dove sei?”

Marito: ” Sono su per la Cioca perché? ( poi mi dovete spiegare cosa le cambia se sono su per la Cioca o a Cantina)

Moglie : “Ah  per la Cioca ho capito. Vai piano mi raccomando! Stai attento e volevo sapere chi c’è con te” Marito: “chi vuoi che ci sia?” Moglie : “Volevo chiederti una cosa: mia mamma ci ha invitati a cena fra 15 giorni le dico che andiamo?”

Marito:” Ma se ne parliamo quando torno non è lo stesso? oppure deve iniziare a cucinare ? “

Moglie : “Allora ne parliamo dopo quando torni”

Marito : “E allora perché mi hai chiamato….?”

…..

Una volta tornati a casa il terribile dilemma, alla moglie quando ve lo chiederà – perché statene certi che ve lo chiederà- è  rispondere che siamo stanchi …o no ,e mentire spudoratamente?

Continua….

About Redazione

Prova anche

Raccontami una storia: “Cortesia”

Cortesia Racconto di Giovanni Renella Chissà perché, a distanza di quasi cinquant’anni, la memoria recupera ...