venerdì , febbraio 22 2019
Home / In Evidenza / Telefilm anni Ottanta: i miei 5 preferiti

Telefilm anni Ottanta: i miei 5 preferiti

Sono nata nel 1977, quando avevo all’incirca 10 o 11 anni non ricordo ci fossero centri estivi o comunque non li frequentavo, mia mamma lavorava solo mezza giornata e aveva fiducia avessi buona cura di me stessa, forte anche del pensiero della nonna che abitava al piano di sotto e della mia abitudine a ronfare per buona parte della mattinata da luglio a settembre.

Il copione era quasi sempre identico: sveglia, colazione veloce e corsa davanti alla televisione dove mi godevo le repliche delle mie serie preferite, era come salire su un tappeto volante che mi permetteva di essere a bordo del Generale Lee di Bo e Luke e sognare con le avventure di Wonderwoman.

Telefilm anni Ottanta

Ecco le mie cinque serie preferite:

The Dukes of Hazzard

La mia storia preferita ha per protagonisti i cugini Dukes: Bo, Luke e Daisy,ambientata nella contea di Hazzard, nello stato della Georgia, i cugini sono in libertà vigilata, si trovano spesso a scontrarsi con lo sceriffo della contea, Rosco, e i suoi vicesceriffi, Enos Strate e Cletus Hogg. Ricordo ancora i roccamboleschi inseguimenti e i due ragazzi che salivano sull’auto passando direttamente dal finestrino per non sottrarre tempo prezioso alla fuga.

 

Love Boat

Ogni mattina una nuova crociera a bordo di “Love Boat” e del suo equipaggio, con il Capitano Merrill Stubing,  il dottor Bricker, impenitente donnaiolo, l’impacciato e dolcissimo  Gopher, secondo del capitano, la direttrice di crociera Julie e il barista Isaac. Storie d’amore che nascevano o finivano a bordo della Love Princess.

Strega per amore

Ho continuato a sognare per anni di avere il super potere di incrociare le braccia sbattere le ciglia e modificare la realtà a mio piacimento.

L’astronauta Tony Nelson trova una strana bottiglia su un’sola del Pacifico, ne esce un genio, una ragazza bellissima di nome Jeannie che dice di avere 2000 anni e di poter esaudire ogni desiderio del suo nuovo padrone, che segue a casa e ci cui si innamora perdutamente.

 

I Jefferson

Così brontolone e irascibile da risultare assolutamente irresistibile!

George Jefferson è il proprietario di una catena di lavanderie, dal niente ha fatto fortuna, tanto da trasferirsi con la moglie Louise in un lussuoso attico di Manatthan, in eterna lite con i vicini come Tom Willis e la domestica Florence.

 

Il mio amico Arnold

In ultimo ma non per ultimo Arnold, il ragazzo di colore adottato con il fratello Willis dal ricco Philip Drummond, un mix di comicità e grande dolcezza reso così fortunato anche grazie alle notevoli capacità espressive del suo protagonista. Chi non ricorda l’espressione “Che diavolo stai dicendo Willis?”

Chiara Macina

About Redazione

Prova anche

Arredare con stile e con…le tende

Come arredare al meglio la propria casa? Semplice! Con l’aiuto delle tende. Spesso consideriamo la ...