martedì , dicembre 18 2018
Home / In Evidenza / Qing’s things: l’eccellenza nel campo tessile

Qing’s things: l’eccellenza nel campo tessile

“Nomen omen” il destino è nel nome, questo sostenevano gli antichi con verità, la massima ben si sposa al destino che anima il Qing’s Things il negozio di cashmere, seta e lino presente dal 2015 a Domagnano, Repubblica di San Marino.

Un nome che trae spunto da una considerazione, protagonisti dell’attività tessuti pregiati, quindi appannaggio di Sovrani ma…senza una regina ciascun Re è incompleto. Da King’s a Qing’s….Una filosofia di pensiero che ben si sposa all’animo speciale che anima la sua titolare Ermira, origine albanese, molti anni trascorsi in Grecia da qualche tempo a San Marino per amore, dove si è sposata ed è nata la sua bambina che proprio in questi giorni ha festeggiato il compleanno.

Dietro ad ogni uomo c’è una grande donna? Ma certo…e dietro a ogni grande donna c’è un meraviglioso uomo con cui condividere un sogno e un progetto, nel caso di Ermira si tratta del marito Mirco, l’altra anima dell’attività.

Ermira è una donna con un allure speciale e un magnetismo potente che accoglie ogni cliente come un’amica in visita in casa sua, chiedendole per prima cosa: come stai? Desideri un caffè? Una donna lungimirante che desidera offrire un prodotto di grande qualità e pregio, consapevole che è solo in questo modo che sia giusto operare, gettare un seme prezioso, creare un circolo virtuoso, nel campo del commercio e dei tessuti pregiati.

Come ogni storia bellissima è un input prezioso ad ispirare l’attività di Ermira:un viaggio in Asia, dove scopre le bellezze della seta, prende contati con i produttori e progetta l’apertura di un negozio a San Marino, che inizialmente doveva vendere sciarpe pregiate, rientrata dal viaggio scopre di essere in dolce attesa e trascorre i mesi della gravidanza coltivando progettualità e bellezza, facendo ricerche sulle fibre naturali, cercando contatti approdando al mondo del cashmere “Una nuvola, una coccola meravigliosa, sono volata in Mongolia e ho conosciuto i produttori, in Thailandia ed India, considerato il loro modo di lavorare, ho deciso di ampliare la gamma dei servizi e tessuti pregiato offerti e  sono arrivata in Belgio per il lino. Ciò che voglio è dare il meglio. In ogni viaggio cerco i materiali più pregiati, visito fornitori e produttori- spiega Ermira-Queste sono le caratteristiche che maggiormente mi intrigano:

Seta: eleganza, scivola sulla pelle.

Cashmere: nuvola calda.

Lino: una gioia averlo addosso, fresco.

Grazie a laboratori sartoriali di San Marino-spiega Ermira- posso proporre alle clienti un servizio molto gradito, mi portano un abito che amano per il taglio ormai vecchio o non più utilizzabile e lo faccio realizzare dalle sarte nei miei materiali. In India sono stata nella valle del cashmere sotto l’Himalaya ho vissuto un’esperienza davvero potente, ho visitato due monasteri, il primo non mi ha lasciato forti emozioni, il secondo mi ha stravolto nel vero senso del termine, un monastero abbandonato, ne ho sentito tutta la spiritualità e visto un tramonto spettacolare”.

Tutta l’energia che si respira in questo meraviglioso negozio, un luogo speciale, dell’anima, ogni prodotto ha una storia, una sua dignità e bellezza

“in un mondo globalizzato so da dove vengono queste cose. Ogni capo ha una sua storia”

“Il pezzo clou di questo periodo è il plaid in cachemire” da regalare a se stessi in segno di amore o a una persona che si ama molto e si vuole far sentire “al caldo” protetta e coccolata.

Tante le novità in corso, chi identifica questi tessuti pregiati come un po’ vintage o adatti alle signore si ricrederà, grazie alla collaborazione con una giovane designer sammarinese la linea sta conoscendo uno stravolgimento positivo. Ermira desidera fare conoscere il made in san Marino farsi promotrice di una linea pregiata e… perché no? Giovanile ed elegante.

Chiara Macina

About Redazione

Prova anche

Occhio alla truffa “Congratulazioni hai vinto”. L’allarme della GdR

“Congratulazioni, hai vinto un virus” SAN MARINO. Ormai prolifera come un fungo la truffa “Congratulazioni, hai ...