domenica , maggio 20 2018
Home / In Evidenza / Il primo sit-in della storia fu quello delle matrone romane

Il primo sit-in della storia fu quello delle matrone romane

Il primo sit-in della storia fu quello delle matrone romane

L’Antica Roma precorritrice (femm.le di precursore!) anche nel femminismo: il primo sit-in femminile della storia fu delle matrone romane, che scesero in piazza per chiedere l’abrogazione di una legge che limitava la loro libertà.. del lusso.

Nel 215 a.c., in seguito alla sconfitta inflitta dal generale cartaginese Annibale, la Repubblica versava in profonda crisi economica e finanziaria, e il tribuno della plebe Gaio Oppio fece approvare una legge (Lex Oppia) che stabilì che le donne non potessero possedere più di mezza oncia d’ora (poco più di un grammo), non potessero indossare abiti dai colori vivaci e neppure muoversi in carrozza se non per partecipare a cerimonie religiose.

Le donne romane, anche nelle classi privilegiate, erano sottomesse al marito, con il divieto di lavorare e di fare politica; si dovevano occupare della casa e della famiglia e il solo modo che avevano di distinguersi erano gli ornamenti: per questo motivo la Lex Oppia risultò essere particolarmente invasiva e lesiva dei diritti individuali femminili.

In seguito alla definitiva sconfitta di Annibale a Zama, 20 anni dopo, vennero meno le ragioni per continuare a tenere in vigore la Lex Oppia: due tribuni della plebe, Marco Fundanio e Lucio Valerio, ne proposero l’abrogazione, scatenando uno scontro in seno al Senato, tra favorevoli e contrari.
Contemporaneamente, le donne si riversarono in strada, bloccando le vie e avvicinando funzionari e consoli per esortarli a sostenere la loro causa. Non solo, vennero organizzati due sit-in di fronte alle case di due tribuni conservatori, contrari all’abrogazione.

Il Senato accolse la notizia con sgomento: Catone il Vecchio (234-149 a.C. detto “Il Censore”), le definì “creature selvagge” e avvertì i suoi colleghi Senatori che, se assecondate, si sarebbe creato un pericolo precedente, perché le donne avrebbero finito per mettere in discussione le leggi fatte dagli antenati che le avevano rese sottomesse ai mariti.

Per fortuna, non fu ascoltato e nel 195 a.c. la Lex Oppia fu abrogata.

 

Fonte: focus.it

 

About Valentina Polverelli

Prova anche

Tre francobolli per il 10° anniversario unesco

Tre francobolli per celebrare il 10° anniversario Unesco

Centro Storico e Monte Titano  nella lista del Patrimonio Mondiale dell’Umanità SAN MARINO. L’Ufficio Filatelico ...