martedì , dicembre 18 2018
Home / News / Costume e Scostumati / Bambini e Genitori / Giochi per lei e per lui: è giusta la differenza?

Giochi per lei e per lui: è giusta la differenza?

Giochi per bambine e per bambini: brave donnine e coraggiosi ometti?

Chi come me è nato alla fine degli anni ‘70 deve lottare contro luoghi comuni e stereotipi ancora duri a tramontare, il rosa è un colore da femmina e l’azzurro da maschio, Big-Jim è per i bimbi la Barbie è per le bimbe, la collezione di gomme profumate per lei quella di modellini auto per lui.

Le bambine giocano a cucinare, i maschi a calcetto, qualche rara mosca bianca in gonnella che si avventura nel campo da calcetto all’ora di creazione salutata come una vera e propria eroina, idolatrata ma raramente scelta da un ragazzino per il gioco delle coppie. In realtà oggi come ieri, gli stereotipi legati al sesso sono molto numerosi, è una gabbia dalla quale non si esce facilmente, “Non piangere, comportati da ometto”, o anche” stai composta sei una signorina”.

Giochi da maschio e da femmina, attività per lei e per lui: si condizionano o si abbattono i condizionamenti in questo modo?

Ogni essere umano ha dentro di sé una componente maschile e una femminile, tanto è vero che anche gli uomini piangono e le donne provano rabbia e aggressività. Purtroppo la società non permette a un sesso di vivere liberamente le emozioni che, convenzionalmente, appartengono all’altro sesso. La società rischia in questo modo, di creare dei modelli che evocano degli eccessi: l’uomo duro, il “macho” e la donna fragile, la “vittima”.

Le persone sono persone, anche i bambini piccoli. Non dobbiamo focalizzarci eccessivamente sulle loro caratteristiche fisiche. Se un maschietto vuole giocare con le bambole e una femminuccia con le automobiline, non c’è nulla di male. Ognuno di loro vuole perlustrare il mondo e a quell’età, non essendo ancora condizionati dalle regole che gli adulti hanno costruito, per loro tutto ciò che li circonda è interessante.

Se vietiamo ai bambini di guardare, toccare o giocare con qualcosa, l’oggetto diventa per loro molto allettante perché ‘proibito’. Ciò che è stato negato, ora, desta molto interesse e l’interesse durerà a lungo finché non si riesce ad ottenere l’oggetto vincendo la sfida. Se permettiamo ai bambini di perlustrare il mondo senza etichettarlo in “maschile” o “femminile”, la loro curiosità sarà presto soddisfatta e passeranno in men che non si dica a perlustrare un altro gioco.

About Redazione

Prova anche

Occhio alla truffa “Congratulazioni hai vinto”. L’allarme della GdR

“Congratulazioni, hai vinto un virus” SAN MARINO. Ormai prolifera come un fungo la truffa “Congratulazioni, hai ...