domenica , agosto 18 2019
Home / In Evidenza / Carnevale 2019: quel legittimo desiderio di essere un super eroe

Carnevale 2019: quel legittimo desiderio di essere un super eroe

Carnevale 2019

Alzi la mano chi non ha mai fantasticato sui super poteri e sul legittimo desiderio di possederne uno. La capacità di Spiderman di catturare i nemici bloccandoli in una ragnatela, la velocità di Superman che arriva in volo e risolve qualsiasi emergenza, l’ecletticità di Wonderwoman che piroettando su se stessa si trasforma da signorina bon ton ad eroina con mutanda alta a stelle e top rosso e dorato, dotata di riflessi sovrumani e abilità guerriere e strategiche, e ancora, lo scudo di Capitan America, la forza e la resistenza sovraumane di Hulk e via discorrendo.

In questo periodo dell’anno, complici le feste di Carnevale, i bambini possono finalmente indossare le maschere dei loro super eroi preferiti e diventare per un giorno chi desiderano essere, durante il resto dell’anno è l’astuto marketing realizzato dalle multinazionali a munire i bambini di biancheria intima, piatti, ogni genere di gioco possibile e immaginabile con il logo del beniamino.  La gioia nel possederli non è però paragonabile a quella provata indossando la maschera, il costume, gli accessori del proprio super eroe, ci sono bambini che non aspettano il Carnevale per indossarne il costume, desiderano farlo sempre.  Perchè? perchè ciò li incoraggia, trasmette loro un senso di sicurezza, un bambino di tre o quattro anni che magari sta affrontando il suo primo ingresso in comunità, alla scuola materna vive il principio di una bellissima avventura ricca di stimoli, ma che può anche rivelarsi un pò stressante. Come si può aiutare i bambini ad affrontare la vita quotidiana? Un’idea simpatica e divertente arriva dal “manuale (illustrato) per diventare Supereroi!” realizzato da Salvi Emmanuela e Cavallaro Francesca.

Questo volume cerca di aiutare i bambini a diventare consapevoli, autonomi e indipendenti. La metafora scelta per avvicinarsi all’argomento è  quella del supereroe, ciò permette di trattare diversi temi evitando la retorica, l’ammorbante tono didattico, quello invece troppo adulto, ponendosi invece ad altezza di bambino. Il lettore-bambino è invitato a porsi alcune domande su se stesso e sulla propria personalità per arrivare alla scelta delle proprie caratteristiche da Supereroe. Il manuale elenca i vari momenti della vita quotidiana che possono rappresentare pericoli per il Supereroe-bambino. La sezione dei Mostri presenta i problemi dell’umanità e dà qualche suggerimento su come combatterli.  Non manca qualche idea anche relativa alle missioni da affrontare.

Chiara Macina

 

About Redazione

Prova anche

Paura d’amare: intervista all’autrice

“Paura d’amare” è il primo romanzo dell’autrice sammarinese Catia Berardi, recentemente presentato al Be Art ...